INFO

Biologia

Gli esopolimeri secreti dai M.O.
Gli esopolimeri secreti dai M.O.:
A: formano una comunità batterica sul supporto (biofilm).
B: permettono sistemi di coltura fissi.
C: ne ostacolano l'azione depurativa.
D: consentono di trattare volumi di reflui più elevati.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il trattamento delle acque reflue domestiche
Qual è l'utilità della fase biologica nel trattamento delle acque reflue domestiche?
A: riduzione della carica virale.
      
B: ossidazione dei composti carboniosi.
      
C: eliminazione di composti contaminanti.
       
D: formazione di fanghi separabili.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

I microrganismi indispensabili per la biodepurazione
I microrganismi indispensabili per la biodepurazione:
A: si accrescono indipendentemente dalle caratteristiche chimico/fisiche del mezzo.
B: crescono in modo molto contenuto.
       
C: sono principalmente batteri eterotrofi saprofiti.
D: sono sostanzialmente procarioti e protozoi.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Fasi di metabolizzazione delle biomolecole a opera dei microrganismi
Le prime due fasi nella demolizione delle biomolecole da parte dei microrganismi sono:
A: entrata delle biomolecole nella cellula del microrganismo e demolizione per mezzo dei suoi enzimi.
      
B: idrolisi e demolizione grazie agli esoenzimi dei microrganismi.
     
C: idrolisi per opera degli esoenzimi dei microrganismi ed entrata dei prodotti nella cellula.
    
D: azione contemporanea e combinata degli enzimi secreti dal microrganismo e di quelli presenti al suo interno.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La fase di autossidazione cellulare
La fase di autossidazione cellulare comprende:
A: l'ossidazione aerobica delle biomolecole entrate nella cellula del microrganismo.
B: lo stadio finale del processo di formazione del fiocco.
C: la demolizione catabolica dei costituenti cellulari.
D: la respirazione dei composti di riserva delle cellule.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il biogas
Il biogas:
A: è ricco di metano.
B: viene prodotto nei digestori a temperatura costante.
C: viene prodotto in concomitanza col processo depurativo.
D: è ricco di ossigeno.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

I trattamenti anaerobici
I trattamenti anaerobici:
A: sono nel complesso molto veloci.
       
B: si svolgono a pH tamponato da NH3 e da CO2.
 
C: sono ostacolati dalla formazione di gas.
D: sono applicabili a reflui con elevato BOD5.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il processo anaerobico e la produzione di biogas
A: La reazione di formazione del 70% del metano, costituente il biogas, viene detta acetoclastica in quanto il substrato è l'acido acetico.
B: La formazione di metano a partire da CO2 e H2 contempla stadi intermedi che vedono il carbonio trasformarsi dalla forma più ossidata a quella più ridotta.
C: Nella fase di liquefazione della degradazione anaerobica, operano batteri anaerobi detti acetogenici.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Microrganismi presenti nelle vasche di depurazione e condizioni del fango
A: La presenza di alghe, come Euglena, complica la manutenzione degli impianti.
B: I Rotiferi, organismi pluricellulari, sono molto sensibili alle sostanze tossiche.
C: I Nematodi sono presenti soprattutto in fanghi all'avviamento degli impianti.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Correlazione tra microrganismi e fanghi attivi
In relazione ai fanghi attivi:
A: la presenza di Zooglea ramigera viene favorita da un'elevata concentrazione in lipidi.
B: la presenza di batteri eterotrofi saprofiti non è significativa ai fini della depurazione.
C: il genere Pseudomonas viene favorito da un'elevata concentrazione in protidi.
Vero o falsoVero o falso
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza