Tipo di esercizi
Scelta multipla,
Completamento chiuso,
Posizionamento
Libro
Biologia
Capitolo
B3 - La plasticità dei geni
INFO

Biologia

Caratteristiche dei virus
Quale, tra le seguenti affermazioni relative ai virus, è corretta?
A: Tutti i virus sono costituiti da DNA racchiuso da un capside.
B: Tutti i virus sono costituiti da un acido nucleico racchiuso da una membrana plasmatica.
C: Tutti i virus sono costituiti un acido nucleico racchiuso da un capside.
D: Tutti i virus sono costituiti da RNA racchiuso da un capside.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Le anomalie cromosomiche
Quale, tra le seguenti, NON è una anomalia cromosomica?
A: Traslocazione.
B: Eliminazione.
C: Duplicazione.
D: Sostituzione.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Tipi di mutazione
Le mutazioni si suddividono in due grandi categorie a seconda della quantità di DNA alterato: nelle mutazioni ________ si tratta di una o poche coppie di ________, nelle anomalie ________ di interi segmenti di ________, che possono contenere più ________.
PosizionamentoPosizionamento
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Mutazioni in cellule somatiche
Una mutazione comparsa in una cellula somatica di un organismo
A: non può avere effetti sui discendenti di quell'organismo.
B: avrà sicuramente effetti sui discendenti di quell'organismo.
C: non ha mai effetti diretti sulla salute di quell'organismo.
D: sarà trasmessa a tutte le cellule di quell'organismo.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La coniugazione
Nel processo di coniugazione, il trasferimento di DNA avviene a opera di
A: particelle virali.
B: plasmodesmi.
C: pili sessuali.
D: flagelli.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il controllo dell'attività genica
Nei batteri il controllo dell'attività dei geni regolati avviene soprattutto a livello di ________ e implica l'intervento di due tipi di molecole: le ________ provenienti dall'esterno e le ________ sintetizzate dalla cellula.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il genoma
L'insieme dei ________ di un organismo, contenuti nei ________, è definito ________ e da esso dipende il ________, cioè l'insieme delle proteine prodotte dalle cellule in base al ________.
PosizionamentoPosizionamento
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il dogma centrale
Quale, tra le seguenti affermazioni, NON è riconducibile al «dogma centrale della biologia»?
A: Il passaggio dal genotipo al fenotipo è unidirezionale.
B: L'informazione passa dal DNA, attraverso l'RNA, alle proteine.
C: L'ambiente influisce sempre nel passaggio dell'informazione da DNA a proteine.
D: Non è possibile formare un gene partendo dalle informazioni di una proteina.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Effetti delle mutazioni
La variazione nella sequenza di lettura delle triplette di basi azotate riguarda
A: solo le mutazioni per delezione.
B: le mutazioni per delezione e per inserzione.
C: solo le mutazioni per sostituzione.
D: solo le mutazioni per inserzione.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Ciclo litico e ciclo lisogeno
Quale affermazione è ERRATA?
A: II ciclo litico porta sempre alla morte del batterio.
B: Il ciclo lisogeno può mutare nel ciclo litico.
C: Il ciclo lisogeno porta alla morte immediata del batterio.
D: Il ciclo lisogeno comporta una ricombinazione del DNA batterico.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

L'operone lac
Nel meccanismo di funzionamento dell'operone lac che regola l'attività di demolizione del lattosio in E. coli, la molecola di lattosio funge da
A: operatore.
B: promotore.
C: repressore.
D: induttore.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Mutazioni a carico di un introne
Se una mutazione si verifica su un introne di un gene
A: la proteina codificata da quel gene non subirà alcuna conseguenza.
B: la proteina codificata da quel gene avrà una sequenza di amminoacidi alterata.
C: il gene codificherà una proteina differente.
D: il gene non codificherà più alcuna proteina.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Mutazioni silenti
Una mutazione può risultare «silente»
A: se la nuova tripletta mutata codifica per il medesimo amminoacido della tripletta originale.
B: se la mutazione, di qualunque tipo essa sia, riguarda esclusivamente una cellula somatica.
C: se la mutazione, di qualunque tipo essa sia, si verifica sui cromosomi sessuali.
D: solo se la mutazione è puntiforme.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Mutazioni spontanee
Che cosa si intende per mutazione spontanea?
A: Una mutazione indotta da un agente mutageno che avviene in un gene a caso.
B: Una mutazione generata durante il processo di autoduplicazione del DNA.
C: Una mutazione causata da una radiazione giunta spontaneamente sulla Terra.
D: Una mutazione causata da una sostanza emessa spontaneamente da un organismo.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Le conseguenze di una mutazione
Quale tra le seguenti affermazioni è corretta?
A: Solo le mutazioni comparse in cellule somatiche influenzano il processo di sintesi proteica.
B: Solo le mutazioni comparse in cellule riproduttive influenzano il processo di sintesi proteica.
C: Qualunque mutazione comparsa in un gene influenza il processo di sintesi proteica.
D: Il processo di sintesi proteica non è mai influenzato dalle mutazioni, di qualunque tipo esse siano.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il DNA eucariotico
Nel DNA degli eucarioti sono presenti sequenze di basi non codificanti, dette ________, intercalate a tratti codificanti, chiamati ________. Al termine del processo di ________, mediante il processo definito ________, vengono rimossi i tratti corrispondenti alle sequenze non codificanti, in modo che la fase di ________ possa procedere senza interruzioni.
PosizionamentoPosizionamento
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Gli operatori
Le strutture molecolari definite «operatori» sono i siti
A: delle proteine regolatrici su cui si legano le molecole-segnale.
B: di RNA batterico che riconoscono le molecole-segnale.
C: di DNA batterico su cui si legano le proteine regolatrici.
D: che contengono i fattori di trascrizione.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

I plasmidi
I plasmidi sono
A: organuli cellulari presenti in procarioti ed eucarioti.
B: particolari cromosomi presenti nei nuclei delle cellule eucariotiche.
C: vescicole di membrana plasmatica contenenti DNA.
D: piccole molecole di DNA presenti nei batteri.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La resistenza batterica
La resistenza dei batteri agli antibiotici
A: è sempre innata e si trasferisce da una generazione all'altra.
B: può essere trasferita da un battere all'altro mediante coniugazione.
C: può essere trasferita da un battere all'altro solo per scissione.
D: non può mai essere trasferita da un battere a un altro.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Caratteristiche dei retrovirus
I retrovirus sono virus
A: a RNA in grado di sintetizzare molecole di RNA complementare all'interno della cellula ospite.
B: a RNA in grado di svolgere la trascrizione inversa all'interno della cellula ospite.
C: a DNA in grado svolgere la trascrizione all'interno della cellula ospite.
D: a DNA in grado di svolgere la autoduplicazione semiconservativa all'interno della cellula ospite.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La ricombinazione del DNA
Tra i batteri esistono fenomeni di ricombinazione del DNA che consentono di trasferire una copia di uno o più ________ da un batterio donatore a un batterio ricevente. La copia ricevuta va a sostituire un ________ (cioè un tratto che porta un'informazione equivalente). Il genoma del ricevente risulta così modificato in modo ________.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La riproduzione dei virus
I virus sono in grado di riprodursi solo ________ delle cellule che attaccano; sono rivestiti da un capside di origine ________, che ne caratterizza la forma e che spesso viene lasciato all'esterno della cellula ospite. Con il termine ________ si intende il virus al di fuori dell'ambiente cellulare. Nel ciclo ________ il virus replica immediatamente il proprio materiale genetico e si riproduce all'interno dell'ospite. Una volta costituiti nuovi fagi, determina la ________ della cellula. I virus che si riproducono esclusivamente con questo ciclo sono detti ________.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Lo splicing alternativo
Lo splicing alternativo permette di avere
A: più molecole di mRNA che portano la medesima informazione.
B: più molecole di mRNA che codificano per diverse proteine.
C: un solo tipo di mRNA, con sequenze non codificanti.
D: un solo tipo di mRNA, contenente solo introni.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Ricombinazione genetica mediata da vettori
Il processo di ricombinazione genetica che vede coinvolto un virus come vettore di DNA è chiamato
A: trasformazione.
B: trasduzione.
C: coniugazione.
D: delezione.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza