INFO

Scienza e cultura dell'alimentazione

HACCP
A: La carne fresca e i prodotti ittici  vengono conservati a + 6°C
B: La disinfestazione si attua  per prevenire la diffusione dei batteri
C: Il Codex Alimentarius è una raccolta di norme internazionali per garantire ai consumatori un prodotto igienicamente sicuro                                                                                              
D: I prodotti surgelati devono essere conservati a – 18 °C
E: Nella realizzazione di un piano HACCP si definisce "rischio" una situazione in cui è evidente una contaminazione microbica
F: Il marchio DOP è un marchio utilizzato solo in Italia
G: I vini DOC hanno un disciplinare di produzione più rigido  rispetto ai vini IGT
H: I presidi  Fast food sostengono  la diffusione di piccole produzioni alimentari locali
I: Si definisce  "diagramma di flusso"  l'analisi di tutti i passaggi di un processo di produzione
J: Nelle procedure HACCP monitorare significa  valutare se i CCP sono sotto controllo
Vero o falsoVero o falso
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

L'acronimo HACCP si riferisce:
A: ad un sistema di conservazione che impiega le alte temperature
B: ai valori di nutrienti consigliati  per una sana alimentazione
C: a procedure di  analisi dei rischi e controllo dei punti critici
D: a sistemi di disinfezione e disinfestazioni degli ambienti di lavoro
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

Diciture come UNI ENI ISO 9001:2000 indicano che:
A: il produttore ha ricevuto la certificazione della qualità da parte di un ente autorizzato
B: il prodotto alimentare è igienicamente sicuro
C: il ristoratore applica il sistema HACCP per la sicurezza alimentare
D: tutte le risposte  sono esatte
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

Un marchio collettivo rappresenta:  
A: una garanzia per i produttori
B: una garanzia per i consumatori
C: una tutela per la denominazione dei prodotti
D: tutte le risposte sono corrette
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

Un dipendente di un azienda ristorativa, affetto da un'infezione cutanea, può  contaminare un alimento con:
A: un virus gastroenterico
B: il Clostridium botulinum
C: lo Stafilococco aureo
D: dei piccoli vermi, chiamati ossiuri
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

Disinfettare gli ambienti ristorativi significa:
A: ridurre  il numero di microrganismi nell'ambiente
B: eliminare piccoli animali e insetti
C: sterilizzare l'ambiente
D: ridurre il numero di microrganismi nei cibi
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

Tra i requisiti richiesti nella progettazione dei locali di un'azienda ristorativa vi è quello:
A: della "marcia in avanti"
B: della "marcia indietro"
C: della costrizione di un diagramma di flusso
D: dell'individuazione dei punti critici di contaminazione
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

Lo schema  denominato "Disegno Igienico"  degli impianti e delle attrezzature per le industrie alimentari ha l'obiettivo di produrre:
A: impianti e attrezzature di facile pulizia
B: impianti e attrezzature igienicamente sicure
C: macchine e attrezzature per la pulizia dei locali
D: impianti e attrezzature dedicati all'igiene personale
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

I cibi già cotti, ma non consumati:
A: vanno mantenuti caldi per impedire la crescita microbica
B: vanno raffreddati rapidamente e conservati in frigorifero
C: possono essere conservati a temperatura ambiente perché con la cottura i batteri sono stati uccisi
D: vanno congelati rapidamente per impedire la contaminazione microbica
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

L'industria alimentare è tenuta:
A: a detenere il piano di autocontrollo
B: ad attuare ma non necessariamente a detenere il piano di autocontrollo
C: ad attuare e  a detenere il piano di autocontrollo
D: nessuna delle risposte è corretta
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

L'albero delle decisioni  nella realizzazione di un piano HACCP  è utile per:
A: identificare i rischi
B: identificare i CCP
C: valutare l'applicazione delle norme igieniche del personale
D: tutte le risposte sono corrette
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

L'acronimo D.O.C. è un marchio di qualità utilizzato in Italia per indicare:
A: vini di particolare pregio
B: prodotti alimentari ottenuti con severi disciplinari di produzione
C: vini di importazione
D: vini italiani esportati all'estero
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

I marchi STG ________ l'origine dei prodotti, ma il metodo di produzione ________ o una ________ tipica.


Le procedure di ________ previste dall'HACCP sono ________ per ogni soggetto pubblico o ________ che si occupi della ________,  trasformazione, ________, deposito, trasporto, distribuzione, ________ e ________ dei prodotti alimentari e per le aziende che producono ________ destinati agli allevamenti.


Secondo il principio della "________", l'alimento  durante il suo ciclo di ________ non deve mai retrocedere, al fine di impedire il contatto con materiale sporco o con prodotti in stadio di ________ meno avanzato

Completamento apertoCompletamento aperto
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

Certificazioni di qualità
A: HACCP
B: DOCG
C: ISO900
D: DOP
E: Agricoltura biologica
Domande in serieDomande in serie
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienza e cultura dell'alimentazione

1.  ________ 2. ________  3. ________

4. ________ 5. ________ 6. ________

7. ________ 8. ________ 9. ________

10. ________ 11. ________ 12. ________
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza