Tipo di esercizi
Scelta multipla,
Completamento chiuso,
Posizionamento,
Trova errore,
Vero o falso,
Domande in serie
Libro
Percorsi di scienze naturali / Dalla tettonica alle biotecnologie
Capitolo
Capitolo 7 - Ingegneria genetica e biotecnologie
Libro
Percorsi di scienze naturali / Biochimica e biotecnologie
Capitolo
Capitolo 7 - Ingegneria genetica e biotecnologie
INFO

Biologia

Biotecnologia e medicina
Le principali tecniche che vengono adottate nella terapia ________ sono due: in quella ________ si estraggono le cellule dal paziente che vengono poi coltivate e modificate mediante un vettore ________ prima di essere reintrodotte nel paziente; mentre nella terapia ________ si usano come vettori i ________, ma anche virus, per introdurre direttamente i geni modificati tramite iniezione o aerosol. Con questa tecnica è ________ controllare dove va a inserirsi il gene introdotto.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Le biotecnologie
Una volta ottenuti i ________ ricombinanti, occorre fare in modo che tali ________  vengano introdotti all'interno dei ceppi batterici che fungono da incubatori; questo processo è facilitato dall'aggiunta di cloruro di calcio che rende ________ le membrane batteriche. È necessario poi verificare se il materiale genetico extranucleare sia effettivamente entrato all'interno dei batteri: per fare ciò si introducono con esso dei geni ________ a un dato antibiotico. Facendo crescere la popolazione batterica in un terreno di coltura in cui è ________ tale antibiotico, l'acquisizione dei plasmidi è certa solo se le cellule ospiti sono in grado di sopravvivere in tale terreno.
PosizionamentoPosizionamento
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Cellule staminali pluripotenti
Una cellula staminale pluripotente potrebbe essere
A: la prima cellula che deriva dall'unione di due gameti.
B: una cellula embrionale presente allo stadio di blastocisti.
C: una cellula in grado di dare origine a specifici tessuti dell'organismo.
D: una cellula che si divide per mitosi all'interno del tessuto muscolare.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il clonaggio del gene per l'insulina
Qual è uno dei principali vantaggi che deriva dalla possibilità di clonare il gene per l'insulina umana?
A: La sequenza dell'insulina umana è molto più variabile e complessa di quella dell'insulina di altri organismi e, quindi, la clonazione permette di trovare più facilmente la molecola adatta per ciascun paziente.
B: Le molecole di insulina prelevate da animali domestici con i metodi tradizionali tendevano a denaturarsi rapidamente.
C: L'insulina umana provoca fenomeni allergici con frequenza di gran lunga inferiore a quanto accade con l'insulina ricavata da altri animali.
D: L'uso dell'insulina umana favorisce la progressiva guarigione dei pazienti affetti da diabete.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La clonazione del DNA
Per clonare un gene umano si può tagliare il DNA di un plasmide virale e di una cellula umana utilizzando enzimi di restrizione diversi. Si mescolano poi le molecole di DNA e le rispettive estremità adesive si staccheranno grazie all'azione dell'enzima DNA ligasi; a questo punto il gene umano e il plasmide saranno integrati. Grazie a ripetute riproduzioni del batterio contenente il plasmide ricombinante, si otterranno copie singole del gene umano in quanto esso si riprodurrà insieme all'organismo ospite.
Trova erroreTrova errore
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il DNA ricombinante
Per DNA ricombinante si intende
A: una molecola di DNA che è andata incontro al processo di crossing-over.
B: una molecola di DNA prodotta completamente in modo artificiale sintetica.
C: la sostituzione di un gene eucariote danneggiato con un gene sano.
D: una molecola di DNA che contiene tratti provenienti da una cellula diversa.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

DNA ricombinante e vaccini
La tecnologia del DNA ricombinante è spesso impiegata per fabbricare vaccini, grazie al fatto che consente di realizzare
A: anticorpi da iniettare nei pazienti.
B: virus dotati di attenuata virulenza.
C: capsidi virali senza materiale genetico.
D: DNA o RNA virali innocui.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La clonazione della pecora Dolly
Indica se le seguenti affermazioni sulla clonazione della pecora Dolly sono vere o false.
A: La cellula uovo e le cellule della mammella sono state prelevate da due pecore diverse, entrambe di razza Scottish Backface.
B: Il nucleo della cellula uovo è stato rimosso e sostituito con quello proveniente da una cellula di mammella.
C: La pecora Dolly è un clone della pecora donatrice della cellula uovo.
D: L'esperimento che ha portato alla nascita di Dolly è stato condotto da Ian Wilmut nel 2004.
Vero o falsoVero o falso
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Ingegneria genetica e duplicazione del DNA
Se si vuole produrre copie multiple di un segmento di DNA, si può inserire in un plasmide il segmento desiderato e far sì che il plasmide ________ una cellula batterica; così il plasmide può duplicarsi e, di conseguenza, ________ il segmento inserito. Attualmente si può costruire un plasmide geneticamente modificato grazie all'utilizzo degli enzimi di restrizione, che devono saper ________ una certa sequenza nucleotidica del plasmide, ma devono anche poter ________ il segmento di DNA che si vuole inserire lasciando estremità adesive ________ quelle ottenute tagliando il plasmide stesso.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Gli enzimi di restrizione
Gli enzimi di restrizione sono particolari molecole ________ in grado di ________ una molecola di DNA; i ________ utilizzano questi enzimi a scopo di difesa contro l'ingresso di DNA estraneo. Ogni enzima riconosce e taglia una determinata sequenza presso specifici siti in modo da lasciare su entrambi i filamenti un'estremità adesiva formata da ________ nucleotidi.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

L'ingegneria genetica
Grazie all'ingegneria genetica è possibile utilizzare ________ come vettori e, grazie a essi, inserire geni provenienti da altri organismi all'interno di batteri. Se si vuole ottenere un batterio che ________ una proteina umana, per esempio l'ormone della crescita, occorre innanzitutto ________ nel genoma umano la sequenza di DNA che codifica per l'ormone della crescita, per poi tagliarla e ottenere un batterio ________ in grado di produrre l'ormone della crescita.
PosizionamentoPosizionamento
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il knockout genico
La tecnica del knockout genico prevede che
A: si attivi uno specifico gene per comprenderne l'effetto.
B: si disattivi uno specifico gene per comprenderne l'effetto.
C: si utilizzino particolari vettori virali.
D: si usino cavie adulte nelle quali sono inattivati specifici geni.
E: si impianti la cellula modificata nella blastocisti dell'organismo da studiare.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il metodo biolistico
Indica se le seguenti affermazioni sul metodo biolistico sono vere oppure false.
A: Viene utilizzato per produrre piante transgeniche.
B: È efficace unicamente sulle piante monocotiledoni.
C: Prevede l'utilizzo di microproiettili con cui vengono bombardate le cellule vegetali.
D: Prevede l'utilizzo del batterio Agrobacterium tumefaciens.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La PCR
Nel ciclo della PCR l'alta temperatura serve per
A: attivare la DNA polimerasi del batterio Thermus aquaticus.
B: denaturare la molecola di DNA all'inizio del processo.
C: appaiare il gene di interesse con il relativo primer.
D: consentire la rapida inattivazione del gene selezionato.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Sintesi di DNA
Associa ad ogni definizione il termine corretto.

- ________: funge da stampo per sintetizzare una data sequenza.

- ________: permette la sintesi di DNA da RNA.

- ________: deriva dall'azione di specifici tagli enzimatici.
PosizionamentoPosizionamento
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Batteri e plasmidi per la somatostatina
Inserendo dei plasmidi per la somatostatina in una coltura di batteri
A: si ottengono batteri che producono somatostatina, ma che non sono in grado di riprodursi.
B: si ottiene una molecola simile alla somatostatina, ma con alcune differenze chimiche importanti.
C: si osserva che, quando si riproducono i batteri, si moltiplicano anche i plasmidi.
D: si ha un inserimento dei plasmidi all'interno dei ribosomi batterici.
E: si ottiene una produzione di somatostatina utile in campo farmacologico.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Terapia genica
Quale delle seguenti affermazioni non è valida per la terapia genica?
A: Si basa sull'inserimento di un gene specifico per correggere un difetto genico associato a una malattia.
B: Richiede l'impiego di vettori virali per poter veicolare la copia corretta del gene.
C: Può essere impiegata anche nelle cellule staminali.
D: Ha già dato risultati significativi nel trattamento di molte malattie.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Terapia genica ex vivo e in vivo
Indica quali tra le seguenti affermazioni si riferisce alla terapia genica ex vivo, alla terapia genica in vivo o a entrambe.
A: Si basa sull'utilizzo di DNA ricombinante.
B: Le cellule del paziente vengono coltivate in vitro prima di essere reintrodotte nell'organismo.
C: Si basa spesso sull'impiego di vettori retrovirali.
D: Non permette di prevedere con precisione dove il gene andrà a inserirsi.
E: Richiede l'impiego di un vettore virale.
F: Il DNA delle cellule malate viene modificato direttamente nel corpo del paziente.
Domande in serieDomande in serie
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza