INFO

Geografia

La crisi degli ecosistemi terrestri
L'attuale sistema di produzione ________ ha portato al consumo crescente delle risorse ________. Oggi l'impronta ________ dell'umanità supera la capacità del pianeta di rigenerare le risorse. Anche l'acqua sta diventando sempre più scarsa e costosa: la crisi ________ è all'origine di conflitti e tensioni sociali nelle regioni più aride del mondo. È necessario un nuovo modello di sviluppo produttivo: lo sviluppo ________.
PosizionamentoPosizionamento
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Geografia

L'inquinamento dei mari
L'inquinamento dei mari è causato soprattutto da migliaia di composti chimici, conosciuti come inquinanti ________ persistenti. Queste sostanze sono trasportate ________ a grande distanza e si accumulano negli organismi viventi marini. Un'altra importante fonte di inquinamento è la plastica: vi sono ________ enormi isole di rifiuti di plastica. La plastica non si degrada del tutto ma si decompone in________, frammenti così piccoli che entrano nello stomaco dei pesci, per poi risalire attraverso la ________ alimentare all'uomo.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Geografia

I limiti del pianeta
Il modello di produzione fondato sull'uso di ________ è fra i principali responsabili del riscaldamento globale. L'impronta ________ media dei paesi avanzati è di gran lunga ________ a quella dei paesi meno sviluppati. In Europa c'è ________ attenzione al risparmio energetico rispetto al Nordamerica. Gli stati più progrediti tendono a esportare nei paesi più poveri i rifiuti e le attività produttive più inquinanti. Questa situazione viene definita ________ ecologico dei paesi più ricchi verso quelli meno sviluppati.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Geografia

L'impronta ecologica
Quali tra le seguenti affermazioni relative all'impronta ecologica sono corrette?
A: L'impronta ecologica misura la quantità di superficie terrestre che ogni persona utilizza per soddisfare le proprie esigenze.
B: L'impronta ecologica è misurata in metri quadrati.
C: La biocapacità del pianeta è la capacità di rigenerare le risorse naturali consumate dall'uomo.
D: L'Italia ha un'impronta ecologica fra le più basse dei paesi del Mediterraneo.
E: L'impronta ecologica media dovrebbe essere di 3,8 ettari per ogni essere umano.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Geografia

Il cambiamento climatico
A: L'effetto serra è un fenomeno causato dall'uomo.
B: La presenza di metano nell'atmosfera è diminuita.
C: Il consumo di combustibili fossili ha causato una crescita della presenza di anidride carbonica.
D: La temperatura media terrestre nel corso dell'ultimo secolo è aumentata di quasi 2 °C.
E: Tra le conseguenze del riscaldamento globale c'è l'aumento dei fenomeni meteorologici estremi.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Geografia

La deforestazione
Osserva la carta sulla deforestazione e indica se le affermazioni sono vere o false.
A: Il Brasile è uno dei paesi in cui si è registrata la maggiore perdita di aree coperte da foreste.
B: Oggi la deforestazione si concentra nei paesi in via di sviluppo della fascia tropicale.
C: Come gli altri paesi di tipo occidentale, l'Australia registra un aumento delle aree coperte da foreste.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Geografia

La riduzione delle specie viventi e il degrado del pianeta
A: Aumento della popolazione, necessità di ampliare gli spazi necessari per le coltivazioni, gli insediamenti e le vie di comunicazione.
B: Uso di concimi e antiparassitari chimici, emissioni inquinanti delle industrie, commercio illegale di specie animali e vegetali rare.
Domande in serieDomande in serie
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Geografia

La crisi dell'acqua
L'acqua ricopre per oltre 2/3 la superficie terrestre; tuttavia, appena il 5,5% delle risorse
idriche è costituito da acqua dolce. Solo l'1% dell'acqua disponibile sulla Terra nelle falde sotterranee e nei fiumi è utilizzabile per la popolazione. Oggi l'acqua è una risorsa sempre meno scarsa. Ciò è dovuto innanzitutto alla crescita demografica. L'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) indica in 20 litri giornalieri il fabbisogno minimo di acqua potabile per un essere umano.

Trova erroreTrova errore
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Geografia

La crisi dell'acqua
A: Nel mondo circa 840 milioni di persone non hanno accesso regolare all'acqua potabile.
B: Nel mondo circa 5,3 miliardi di individui non hanno accesso a servizi igienico-sanitari adeguati.
C: Negli ultimi anni l'acqua è considerata un bene prezioso, un cosiddetto "oro azzurro".
D: Nel mondo ci sono più persone con un cellulare che con un bagno.
E: Il calo di disponibilità dell'acqua ha scatenato contrasti e conflitti armati in Medio Oriente, Africa e Asia meridionale.
Vero o falsoVero o falso
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Geografia

Salviamo il pianeta
Quali fra le seguenti affermazioni sono corrette?
A: Il modello di sviluppo sostenibile concilia le esigenze economiche con la salvaguardia dell'ambiente.
B: La prima definizione chiara di sviluppo sostenibile venne formulata dall'ONU nel 1985.
C: Il trattato di Kyoto obbligava tutti i paesi del mondo a ridurre almeno del 5,2% le emissioni dei gas serra.
D: Il nuovo piano dell'ONU, chiamato Agenda 2030, è stato definito nel 2015.
E: Il commercio Equosolidale garantisce un giusto compenso ai lavoratori e la tutela del territorio.
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza