Tipo di esercizi
Scelta multipla,
Vero o falso
INFO

Chimica

Quale dei seguenti latti è considerato un latte speciale?
A: il latte pastorizzato
B: il latte sterilizzato
C: il latte UHT
D: il latte formulato
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

Per la produzione dei formaggi viene sfruttata:
A: la coagulazione delle caseine
B: la precipitazione delle sieroproteine
C: la coagulazione acida delle sieroproteine
D: la coagulazione enzimatica delle sieroproteine
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

Il residuo secco magro (RSM) di un latte si ottiene:
A: dalla somma delle percentuali di tutti i suoi componenti
B: dalla somma delle percentuali di tutti i suoi componenti, ad eccezione dell'acqua
C: dalla somma delle percentuali di tutti i suoi componenti, ad eccezione dell'acqua e della materia grassa
D: sommando al residuo secco la percentuale di materia grassa
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

Le ceneri del latte sono costituite prevalentemente da:
A: proteine
B: lipidi
C: glucidi
D: sali  minerali
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

Il contenuto in lattosio di un latte:
A: non può essere misurato mediante polarimetria
B: viene di norma misurato mediante una titolazione acido-base
C: viene spesso  misurato attraverso una titolazione che sfrutta le proprietà riducenti del lattosio
D: non può essere misurato attraverso spettrofotometria IR
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

A: 1. Il metodo Kjeldahl applicato al latte consente di determinarne il tenore lipidico
B: 2. L'entità del trattamento termico di risanamento subìto da un latte può essere valutato attraverso la misurazione del contenuto in sieroproteine solubili
C: 3. Il latte «pastorizzato a temperatura elevata» presenta reazione negativa alla prova della fosfatasi e positiva a quella della perossidasi
D: 4. Il latte fresco pastorizzato «di alta qualità» presenta reazione negativa alla prova della fosfatasi e positiva a quella della perossidasi
E: 5. L'acidità di un latte in "grammi di acido lattico per litro di latte" si ottiene moltiplicando per 0,225 quella in "gradi Soxhlet-Henkel"
Vero o falsoVero o falso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza