INFO

Fisica

L'energia interna di un gas reale è:
A: la differenza tra l'energia cinetica e l'energia potenziale delle molecole.
B: l'energia cinetica totale del moto delle molecole.
C: la somma dell'energia cinetica più l'energia potenziale delle molecole.
D: l'energia potenziale totale di attrazione delle molecole.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'energia interna di un gas perfetto è:
A: la differenza tra l'energia cinetica e l'energia potenziale delle molecole.
B: l'energia potenziale totale di attrazione delle molecole.
C: l'energia cinetica totale del moto delle molecole.
D: la somma dell'energia cinetica e dell'energia potenziale delle molecole.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

In quale dei seguenti casi un gas racchiuso in un palloncino compie lavoro positivo sull'ambiente?
A: Quando il palloncino si espande per un aumento della temperatura del gas.
B: Quando il palloncino si innalza per effetto della spinta idrostatica.
C: Quando il palloncino urta muovendosi contro un altro palloncino.
D: Quando il palloncino si contrae per una diminuzione della temperatura del gas.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Quando si dice che l'energia interna è una funzione di stato, si intende che tale energia:
A: ha in ogni stato parecchi valori possibili.
B: ha un determinato valore per un unico stato del gas.
C: ha lo stesso valore in tutti gli stati del gas.
D: ha un solo valore per ogni stato del sistema.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'espressione pΔV (dove p è la pressione e ΔV è la variazione di volume) per il lavoro compiuto da un gas che si espande è valida:
A: a pressione costante.
B: a volume costante.
C: sempre.
D: a temperatura costante.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Se ΔU è la variazione di energia interna di un sistema, W  il lavoro (positivo se è l'ambiente a compierlo sul sistema) e Q la quantità di calore scambiata dal sistema (positiva se il calore è assorbito), allora il primo principio della termodinamica si scrive nella forma:
A: ΔU = W - Q
B: ΔU = Q · W
C: ΔU = Q + W
D: ΔU = Q - W
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Se in una trasformazione termodinamica l'energia interna del sistema rimane complessivamente invariata, il lavoro eseguito dal sistema deve essere:
A: uguale e opposto al calore assorbito dal sistema.
B: uguale al calore assorbito dal sistema.
C: uguale al calore ceduto dal sistema.
D: maggiore del calore assorbito dal sistema.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Quale di queste frasi definisce correttamente una trasformazione adiabatica?
A: Nel corso della trasformazione l'energia del sistema non può variare in nessun modo.
B: Nel corso della trasformazione l'energia del sistema non può variare mediante scambi di lavoro con l'esterno.
C: Nel corso della trasformazione l'energia del sistema non può variare mediante scambi di calore con l'esterno.
D: Nel corso della trasformazione l'energia del sistema non può variare mediante scambi di calore o lavoro con l'esterno.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una macchina termica è:
A: un dispositivo che funziona mediante una trasformazione ciclica che utilizza almeno due sorgenti di calore.
B: una trasformazione ciclica qualunque.
C: un dispositivo che funziona mediante una trasformazione qualunque.
D: una trasformazione ciclica che utilizza almeno due sorgenti di calore.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

In una macchina termica la presenza di due sorgenti di calore è necessaria per:
A: eseguire un lavoro utile.
B: realizzare una trasformazione ciclica.
C: ottenere il calore sufficiente al funzionamento.
D: compiere un lavoro complessivo positivo.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Nel caso di una trasformazione isòbara il primo principio della termodinamica può essere scritto nella forma:
A: ΔU = Q
B: ΔU = QpΔV
C: ΔU = Q + pΔV
D: ΔU = pΔV
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

La figura mostra una trasformazione ciclica di un gas perfetto nel piano pressione-volume.
VA= 30 dm3, VC= 60 dm3, pA= 60 Pa, pC= 20 Pa.
Se W indica il lavoro compiuto dal sistema, allora:
WAB= ________
WAD= ________
WCD= ________
WABCDA= ________
WADCBA= ________
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Nel caso di una trasformazione ciclica il primo principio della termodinamica può essere scritto nella forma:
A: W=Q
B: pΔV=Q
C: W=Q
D: pΔV=Q
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

In una trasformazione ciclica quale grandezza assume lo stesso valore del calore scambiato complessivamente?
A: Il lavoro delle forze esterne al sistema.
B: Il lavoro svolto dal sistema.
C: La variazione di temperatura.
D: La variazione di energia interna.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il rendimento r di una macchina termica che lavora tra due sorgenti di calore assorbendo il calore Q da quella a temperatura superiore e cedendo il calore Q' a quella a  temperatura inferiore può essere calcolato mediante l'espressione:
A: r=Q/Q
B: r=1+Q/Q
C: r=1Q/Q
D: r=Q/Q
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

In quale trasformazione non viene eseguito lavoro?
A: Isòbara.
B: Isocòra.
C: Isoterma.
D: Adiabatica.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

In una trasformazione ciclica, il lavoro eseguito è:
A: la somma dei lavori scambiati.
B: zero.
C: l'area fra il grafico e l'asse delle pressioni.
D: la variazione di energia interna.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Fra le grandezze che descrivono il funzionamento di una macchina termica – calore, lavoro e rendimento –  quali si misurano in joule?
A: Solo il calore.
B: Solo il rendimento.
C: Solo il calore e il lavoro.
D: Tutti e tre.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza