Filtri

Biologia

La presenza di specie microbiche patogene nelle acque è spesso derivante da contaminazioni industriali o domestiche. A quali generi appartengono i patogeni riscontrabili?
A: Clostridium
B: enterobatteri
C: Flavobacterium
D: Mycobacterium
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La popolazione microbica di ecosistemi acquatici è ricca di:
A: batteri termofili
B: batteri fototrofi
C: batterio organotrofi
D: batteri acidofili
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Come varia la popolazione microbica di un ambiente acquatica all'aumentare della profondità?
A: All'aumentare della profondità aumenta il pH dell'acqua; questo comporta un arricchimento della popolazione neutrofila rispetto a quella acidofila, più numerosa in superficie.
B: All'aumentare della profondità aumenta la salinità dell'acqua; questo comporta un arricchimento della popolazione alofila.
C: All'aumentare della profondità si riduce la disponibilità di ossigeno; questo comporta un arricchimento della popolazione fototrofa anossigenica rispetto a quella fototrofa ossigenica, più numerosa in superficie.
D: Tutte le risposte sono corrette
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La depurazione delle acque reflue domestiche avviene in due fasi: una prima fase, che sfrutta processi fisici, e una seconda fase basata su degradazioni biologiche. In cosa consiste questa seconda fare?
A: Consiste nella degradazione del materiale organico, in vasche o reattori, mediante l'utilizzo di colture microbiche controllate.
B: Consiste nell'utilizzo del materiale organico direttamente come concime per terreni agricoli.
C: Consiste nell'utilizzo del refluo residuo come mangime negli stabilimenti di itticoltura.
D: Tutte le risposte sono corrette.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Qual è l'utilità della fase biologica nel trattamento delle acque reflue domestiche?
A: Ossidazione dei composti carboniosi
B: Rimozione dei substrati azotati
C: Eliminazione di alogenati contaminanti
D: Riduzione della carica virale
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

L'atmosfera:
A: la concentrazione di nutrienti al suo interno è troppo bassa per poter permettere lo sviluppo batterico
B: dato il basso numero di microrganismi che presenta, è considerabile sterile
C: non è un buon mezzo di crescita batterica ma rappresenta un eccellente veicolo per microrganismi e spore
D: È ricca di batteri del genere Aeromonas
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

I batteri barofili sono organismi presenti solo nell'ambiente acquatico. La loro caratteristica è:
A: la capacità di crescere in condizioni di assenza di luce e di ossigeno
B: la capacità di crescere a pressioni maggiori o uguali alla pressione atmosferica
C: l'incapacità di crescere alla pressione atmosferica; necessitano di alte pressioni idrostatiche
D: la capacità di crescere solo in presenza di alte concentrazioni di Bario
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Cos'è il fitoplancton?
A: È un plancton composto prevalentemente da alghe fotosintetiche
B: È un plancton composto prevalentemente da protozoi
C: È un sinonimo di plancton
D: Nessuna delle risposte è corretta
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Negli ecosistemi acquatici lacustri, tra epilimnio (lo strato più vicino alla superficie) e ipolimnio (lo strato più in profondità):
A: vi è un continuo e intenso interscambio di acqua, con conseguente rimescolamento di materiale organico e di microrganismi
B: vi è uno strato definito termoclino, in cui vi è un rapido abbassamento di temperatura all'aumentare della profondità
C: vi è rimescolamento solo nelle stagioni più miti, in cui le differenze di temperatura e di peso specifico tra epilimnio e ipolimnio si riducono
D: non vi è differenza di temperatura nei mesi estivi, in quanto l'acqua riceve un quantitativo di energia dalla luce solare tale da riscaldare anche gli strati più profondi
Scelta multiplaScelta multipla
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Come è chiamato lo strato profondo, freddo e spesso anaerobio dei laghi?
A: epilimnio
B: ipolimnio
C: zona fotica
D: termoclino
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

In un ecosistema acquatico, si definiscono bentonici gli organismi che:
A: si posizionano vicino alla riva, su cui ogni tanto si spostano (solitamente sono piccoli anfibi)
B: vivono sul fondale
C: vivono in prossimità della superficie, per avere a disposizione una maggior quantità di luce
D: vivono in simbiosi con pesci di grosse dimensioni
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Cos'è il plancton?
A: È l'insieme delle forme di vita microbiche galleggianti e alla deriva sugli strati superficiali dell'ecosistema acquatico.
B: È l'insieme delle forme di vita batteriche galleggianti e alla deriva sugli strati superficiali dell'ecosistema acquatico.
C: È l'insieme delle forme di vita protozoiche galleggianti e alla deriva sugli strati superficiali dell'ecosistema acquatico.
D: È l'insieme delle forme di vita presenti sugli strati superficiali dell'ecosistema acquatico.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Gli ambienti acquatici, soprattutto se molto profondi, sono caratterizzati dalla presenza di due zone distinte: la zona più superficiale, colpita dalla luce e quindi sede delle reazioni fotosintetiche, e la zona sottostante, priva di luce. Come è definita la prima zona?
A: zona fotica
B: zona luminosa
C: zona fotosintetica
D: zona solare
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Il campionamento dell'aria per analisi microbiologiche effettuato lasciando aperte nell'ambiente numerose piastre contenenti terreno agarizzato è detto:
A: campionamento passivo
B: campionamento attivo
C: campionamento casuale
D: campionamento a flusso
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Quali dei seguenti batteri sono responsabili della maggior parte delle infezioni acquisite durante il ricovero in ospedale?
A: Pseudomonas aeruginosa
B: Staphylococcus aureus MRSA
C: Clostridium botulinum
D: Salmonella enterica
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

L'agente eziologico della legionella, Legionella pneumophila, è:
A: un Archea
B: un Gram-positivo
C: un Gram-negativo
D: un protozoo ciliato
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza