Tipo di esercizi
Scelta multipla,
Completamento aperto,
Completamento chiuso,
Posizionamento,
Trova errore,
Vero o falso
Libro
Il libro di arte e immagine
Capitolo
Etruschi e Roma
INFO

Arte e immagine

Gli Etruschi

Associa eventi e periodi alle rispettive date.

IX sec. a.C. ________

616 a.C. ________

509 a.C. ________

396 a.C. ________

89 a.C. ________
PosizionamentoPosizionamento
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Arte e immagine

I vasi cinerari e le tombe etrusche

Gli Etruschi raccoglievano le ceneri del defunto in vasi di bronzo o terracotta, detti ________. Il coperchio di questi vasi di origine ________ raffigurava il ________.
Dal VI secolo a.C. le tombe sono fatte come vere e proprie «________ dei morti», scavate sotto terra (________) e coperte da tumuli, oppure costruite fuori terra (________ o ________).  I raggruppamenti di tombe creano delle «città dei morti» chiamate ________.    
Sotto ogni ________ le tombe sono scavate nel tufo e hanno vari ________.
Le pareti sono decorate con ________ come nella Tomba degli Auguri, o con forme modellate come nella Tomba dei________dipinti. Gli Auguri erano i ________ che celebravano i riti ________. Gli affreschi nella Tomba dei Leopardi raffigurano il ________. I leopardi difendono il defunto dai ________ L'uovo è simbolo di ________.
Le tombe contenevano vasi, armi, specchi, fibule e gioielli per far ritrovare al defunto l'ambiente e le cose usate nella sua vita. Le fibule erano usate per decorare e trattenere le ________ e spesso erano d'oro, lavorate a ________
Completamento apertoCompletamento aperto
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Arte e immagine

La città etrusca e il tempio

Le città etrusche erano fondate dai sacerdoti che tracciavano un perimetro quadrato e le due vie principali: il ________, da nord a sud e il ________, da est a ovest.
L'intersezione di altre strade parallele delimitavano isolati edificati chiamati ________.
Nelle porte di città il sistema trilitico viene sostituito dall'________.
I templi avevano forme simili a quelle dei templi ________ ma erano costruiti in ________ e decorati con ________ e ________ in terracotta. Le colonne erano di ordine ________.
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Arte e immagine

La scultura etrusca

Gli Etruschi modellano l'argilla, che diventa poi ________ o modello per la fusione in ________. L'argilla è ________ reperibile nelle terre abitate dagli Etruschi e permette un'esecuzione rapida che dà vitalità alle opere.
– I ________ sono vasi funerari in terracotta o bronzo con il ritratto del defunto.
– I ________ sono in terracotta e rappresentano spesso marito e moglie raffigurati mentre banchettano, perché la loro vita continua oltre la morte. Nel Sarcofago degli Sposi i defunti sono ________ sul letto funebre. Forse le loro mani reggevano oggetti veri: una boccetta, una Kylix e ________, simbolo di fecondità.
– Le antefisse e gli ________ erano sculture in terracotta ________ che decoravano il tetto del tempio. L'Apollo di Veio è ________. La linea fluida del panneggio avvolge la ________ del corpo che sembra muoversi ________.
– L'Offerente di Perugia è una piccola scultura votiva fatta in ________ e poi ricoperta di ________. Con la cottura in forno ________ si è sciolta. La cavità rimasta nell'involucro è stata riempita con il ________ fuso che, una volta raffreddato, è stato liberato dall'involucro.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Arte e immagine

Roma

Associa eventi e periodi alle rispettive date.

753. a.C. ________
509 a.C. ________
264-146 a.C. ________
100-49 a.C.________
27 a.C. ________
anno 0 ________  
I-II sec. d.C. ________
300 d.C. ________  
313 d.C. ________  
476 d.C. ________

Arte romana

500-27 a.C. ________  
27 a.C.-190 d.C. ________
190-476 d.C. ________  
PosizionamentoPosizionamento
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Arte e immagine

Roma.Lenuovetecnichecostruttive

Tra il II e il III secolo d.C. Roma, con più di un milione di abitanti, è la più grande metropoli del mondo antico. I Romani sono grandi costruttori: usano tecniche molto raffinate e ne inventano di nuove.
IMMAGINI
A.
L'arco è di derivazione greca. L'arco a grande sesto consente aperture più ampie del sistema trilitico. L'arco è stato usato per costruire ponti, acquedotti e anfiteatri, come il il Teatro Flavio, più noto come Colosseo.
IMMAGINI B. Lavoltaabotte, pensata per coprire spazi di forma quadrata, è una copertura muraria cilindrica. È stata usata come copertura nelle Terme di Caracalla, dove le ampie volte a botte sono realizzate con esili murature in pietra.
IMMAGINI
C.
Lacupola ha reso possibile la copertura di ampi spazi affollati da pilastri. La cupola è una copertura sferica. La più grande cupola dell'antichità è quella del Parthenon, un tempio dedicato a tutti gli dei. La sua enorme cupola è stata realizzata sovrapponendo anelli concentrici di diametro sempre maggiore.
I materiali sono progressivamente più pesanti: dal basso all'alto si passa dalla pietra alla pomice.
Trova erroreTrova errore
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Arte e immagine

La scultura romana

Quando i Romani conquistano la Magna Grecia e ________ portano a Roma molte sculture che influenzeranno tutta l'arte romana. Nasce il ________ e si avvia una produzione di copie che faranno conoscere anche nei secoli successivi molte statue greche andate perdute, come il Doriforo.

Il ritratto romano è invece innovativo perché esalta la funzione ________ e quella ________.
– I ricchi patrizi romani si facevano fare ritratti ________ somiglianti per esprimere la propria personalità. Nel Ritratto di un patrizio romano, le rughe e i capelli ________ segnano l'età avanzata. Gli occhi indagatori e la piega della bocca danno all'uomo un aspetto che esprime il suo carattere ________.
– Gli imperatori si facevano ritrarre ________ o a cavallo, quando il ritratto aveva funzione di immagine ufficiale. Il ritratto di Cesare Ottaviano celebrato come imperatore Augusto riprende la classica posa ________ equilibrio del Doriforo di Policleto ma il suo viso è un ritratto ________.
La Statua equestre di Marco Aurelio ha dimensioni ________ rispetto al reale perché l'imperatore era molto importante. Il volto di Marco Aurelio ________ un vero ritratto. L'anatomia del cavallo ________ molto realistica.  
Completamento chiusoCompletamento chiuso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Arte e immagine

La Colonna Traiana
A: I rilievi storici narrano e raffigurano in modo dettagliato e realistico le imprese vittoriose degli imperatori. Uno dei più famosi rilievi storici è quello che si snoda attorno alla Colonna Traiana.
B: I rilievi raccontano la guerra vittoriosa dell'imperatore Dacio contro i Traiani.
C: I rilievi raffigurano le fasi della guerra come una cronaca giornaliera.
D: I rilievi, in metallo, si sviluppano in orizzontale sulla colonna.
E: In origine, tutte le scene erano colorate.
F: Sulla sommità della Colonna Traiana si trovava la statua in bronzo dell'imperatore.
G: La colonna era circondata da edifici che permettevano di vedere da vicino i bassorilievi.
Vero o falsoVero o falso
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Arte e immagine

La pittura romana

La pittura era usata per decorare le pareti delle grandi ville fuori città e le stanze delle domus, le ampie case di città con il cortile interno. La maggior parte degli esempi giunti sino a noi si trova a Pompei, dove l'eruzione del Vesuvio ha fermato la vita al 79 d.C. Le pitture, realizzate tra il II secolo a.C. e il I secolo d.C. sono state catalogate in quattro stili:
A: I stile, a incrostazione. Con stucco e affresco, imita i più costosi rivestimenti in marmo.
B: I stile, a graffito. Con graffiti su granito, imita i costosi rivestimenti in lastre di marmo.
C: II stile, dell'architettura in prospettiva. Sono raffigurate scene di vita quotidiana in modo realistico.
D: II stile, dell'architettura in prospettiva. Il disegno rende la tridimensionalità della costruzione architettonica. Le linee parallele convergono in punti allineati sull'asse verticale.
E: III stile, della parete imperiale. I pannelli a tinte monocrome racchiudono scene di re e imperatori.
F: III stile, della parete reale. Pannelli a tinte monocrome racchiudono scene di vita reale dipinte con tecnica compendiaria.
G: IV stile, dell'illusionismo prospettico. L'effetto prospettico delle architetture del II stile è accentuato in modo teatrale e dilata visivamente lo spazio della stanza.
H: IV stile, dell'illusionismo. L'effetto prospettico delle architetture fa intravvedere figure a seconda come l'ambiente è illuminato.
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Arte e immagine

La tarda romanità
A: La tarda romanità è il momento di minore estensione dell'Impero romano.
B: Durante questo periodo si costruiscono edifici pubblici sempre più grandi e fastosi, come le terme e le basiliche.
C: A Roma, nella Basilica di Massenzio si amministrava la giustizia e si trattavano gli affari.
D: L'ingresso alla Basilica di Massenzio avveniva da un lato corto.
E: Lo spazio era suddiviso in senso longitudinale in tre parti, dette navate.
F: Tutte le navate erano coperte da volte a botte.
G: L'imperatore Costantino aveva fatto collocare all'interno una statua enorme che lo raffigurava, seduto, come una divinità.
Vero o falsoVero o falso
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza