INFO

Chimica

Caratteristiche degli alogeno derivati
A: Gli alogeno derivati sono composti che hanno origine dagli idrocarburi per sostituzione di uno o più atomi di idrogeno con altrettanti atomi di alogeno.
B: Si possono suddividere in due grandi gruppi: alogenuri alchilici e alogenuri arilici, in base alla natura alifatica o aromatica dell'idrocarburo di partenza.
C: I primi due termini della serie dei cloro e bromo derivati sono liquidi a temperatura ambiente, mentre i successivi sono gassosi.
D: Si distinguono in primari secondari e terziari a seconda del numero di atomi di alogeno presenti nella molecola.
Vero o falsoVero o falso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

Le reazioni di preparazione degli alogenuri alchilici
Gli alogenuri alchilici si preparano per:
− alogenazione diretta degli alcani, una reazione di addizione radicalica;
− addizione di acidi alogenidrici agli alcheni, una reazione di sostituzione elettrofila;
− alogenazione degli alcheni, una reazione di addizione;
− sostituzione del gruppo carbonilico degli alcoli con un alogeno.
Trova erroreTrova errore
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

L'alogenazione degli alcheni nella preparazione di dialogenuri vicinali
La reazione avviene mediante un'addizione ________ al doppio legame che induce una ________ nella molecola di alogeno creando una parziale carica positiva nell'atomo più vicino al doppio legame e una parziale carica negativa sull'altro atomo. L'alogeno elettrofilo si attacca al doppio legame formando un ________ e un alogenione negativo che quindi si lega al carbocatione. Il prodotto finale è un dialogenuro vicinale.
Completamento apertoCompletamento aperto
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

La preparazione degli alogenuri alchilici
Qual è il miglior metodo per preparare gli alogenuri alchilici?
A: La sostituzione del gruppo —OH degli alcoli con un alogeno.
B: L'alogenazione degli alcheni.
C: L'addizione di acidi alogenidrici agli alcheni.
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

La reazione di sostituzione diretta del gruppo —OH con lo ione cloruro
Se X indica lo ione cloruro, avviene con facilità la reazione proposta?
A: Sì, la reazione è spostata quasi completamente a destra.
B: No, la reazione è spostata quasi completamente a sinistra.
C: Sì, è una reazione con una buona resa di prodotti.
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

La reattività degli alogenuri alchilici
Il legame covalente tra carbonio e alogeno, negli alogenuri di alchile, è fortemente ________ data la notevole differenza di elettronegatività tra i due atomi. In tal modo, sull'atomo di carbonio è localizzata una parziale carica ________ e quindi può subire un attacco ________ da parte di gruppi o atomi con proprietà basiche.
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

La cinetica di una reazione
Data una generica reazione, si definisce la sua velocità come il prodotto di k, che è la ________ di velocità di reazione, per le ________ dei reagenti A e B. Gli esponenti m e n sono numeri ________ determinati sperimentalmente. La loro somma costituisce l'________ della reazione.
Completamento apertoCompletamento aperto
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

La sostituzione nucleofila
Il meccanismo di reazione di una sostituzione nucleofila prevede la sostituzione di un gruppo o di un atomo legati a una molecola da parte di un agente nucleofilo, attratto dalla parziale carica negativa presente sull'atomo di carbonio. L'agente nucleofilo è una sostanza che può presentare una carica positiva ed è quindi richiamato dall'atomo di alogeno impegnato in un legame covalente fortemente polarizzato.
Trova erroreTrova errore
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

L'influenza dei reagenti nella sostituzione nucleofila
Considerando una sostituzione nucleofila di un atomo di alogeno con un gruppo —OH, se i reagenti sono un alogenuro alchilico secondario e lo ione OH, la reazione può procedere seguendo entrambe le cinetiche SN1 e SN2. Il prevalere dell'una o dell'altra dipende dalla ________ dello ione OH, ad alte ________ la reazione segue un meccanismo ________, viceversa segue un meccanismo ________.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Chimica

Meccanismo di reazione di una sostituzione nucleofila di secondo ordine
È importante l'orientamento spaziale delle specie coinvolte in una reazione SN2?
A: Sì, perché il nucleofilo si avvicina all'alogenuro dalla parte opposta rispetto a quella dove si trova l'alogeno.
B: No, perché si ha la formazione di un carbocatione intermedio.
C: No, perché l'ingombro sterico non influenza la reazione.
Scelta multiplaScelta multipla
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza