Filtri

Biologia

La capacità portante
La capacità portante di un ecosistema è un fattore di primaria importanza da considerare per garantire uno sviluppo sostenibile, ovvero uno sviluppo che permetta anche alle generazioni future, e non solo alla presente, di soddisfare i propri bisogni.

Cosa sai di questo fattore? Mettiti alla prova...
A: La capacità portante di un ecosistema è illimitata.
B: La capacità portante di un ecosistema influenza il numero di individui di ogni popolazione che in esso possono sopravvivere.
C: Se la richiesta di risorse di una popolazione supera la capacità portante dell'ecosistema in cui essa vive, in genere subentrano fattori che limitano l'ulteriore aumento della popolazione.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La strategia delle "3R"
Per la gestione dei rifiuti oggi abbiamo a disposizione numerose strategie alternative al loro conferimento in discarica: un esempio è la strategia delle "3R", RIUSA-RIDUCI-RICICLA.
Il riuso consiste nel riutilizzare un rifiuto per la stessa finalità per la quale è stato prodotto; ciò accade già, per esempio con i rottami metallici.
Il riciclo invece consiste nel recupero dei materiali di scarto che diventano materiali di partenza per nuovi processi industriali; ciò accade già, per esempio con i vestiti.
Entrambe sono strategie che permettono di ridurre il prelievo di risorse naturali dall'ambiente come materie prime per i processi produttivi.
Trova erroreTrova errore
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

La protezione dell'ambiente
Le attività umane hanno un impatto più o meno grande sull'ambiente e provocano cambiamenti nell'habitat di molti organismi mettendone in pericolo la sopravvivenza. Ciò ha portato a registrare negli ultimi decenni l'estinzione di un numero sempre più elevato di specie e a far nascere negli ultimi anni il problema della conservazione della biodiversità.

Distingui le affermazioni vere da quelle false.
A: Oggi esistono ancora molte specie non conosciute e classificate: la loro estinzione ci porterebbe a perderle ancora prima di conoscerle.
B: L'umanità ricava dagli organismi non solo cibo, ma anche farmaci, materie prime, idee per la progettazione di nuovi materiali: perdere biodiversità vorrebbe dire perdere parte di tutto questo.
C: Dovendo scegliere su quali ecosistemi concentrare i propri sforzi per la salvaguardia dell'ambiente, è preferibile tutelare quelli con poche specie differenti in quanto più stabili.
D: A differenza di quanto accaduti in passato, gli sforzi attuali per la protezione della biodiversità si sono spostati dalla salvaguardia di singole specie a quella di interi ecosistemi.
Vero o falsoVero o falso
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Tre "rivoluzioni"
Individua a quale delle tre "rivoluzioni" che hanno determinato la crescita della popolazione umana corrisponde ciascuna descrizione.
A: L'impiego delle macchine a vapore nei campi più diversi mise a disposizione dell'umanità enormi risorse; si verificò un notevole incremento nelle nascite che fece rapidamente aumentare le popolazione umana.
B: Le popolazioni umane iniziarono ad organizzarsi e a stabilirsi in
villaggi situati nei pressi dei terreni in cui si praticavano la
pastorizia o si coltivavano le specie utili.
C: Il miglioramento delle condizioni igieniche, significativi passi in
avanti in campo medico, l'introduzione di nuovi farmaci permisero
di ridurre notevolmente il tasso di mortalità nella popolazione
umana.
Domande in serieDomande in serie
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Lo smaltimento dei rifiuti
I rifiuti solidi sono prodotti derivanti da attività domestiche, industriali, dall'agricoltura e dai servizi.
Fino a qualche decina di anni fa l'unica possibilità per smaltirli era l'accumulo in ________, ma oggi vi sono molte alternative più "sostenibili".
Per esempio, per i resti di cibo o gli sfalci da giardinaggio si sta diffonfendo l'uso delle ________ domestiche (nell'immagine); per abiti e borse di plastica viene sempre più incentivato il ________; per le lattine di alluminio e la maggior parte degli oggetti in plastica è ormai prassi il ________.
In tal modo si riducono da un lato la quantità di rifiuti prodotti (da destinare eventualmente all'________) e dall'altro il consumo di materie prime.
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Non tutti gli inquinanti sono sostanze chimiche...
Quando sentiamo parlare di inquinamento subito pensiamo a tutta una serie di sostanze che, immesse nell'ambiente, ne alterano gli equilibri. Ma ci sono anche fattori fisici che possono interferire con il normale funzionamento degli ecosistemi.

Quali, tra i seguenti inquinanti, sono di tipo fisico?
A: Gas serra
B: Scarti di lavorazioni minerarie
C: Calore
D: Scarichi domestici
E: Rumore
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

I limiti dello sviluppo umano
Secondo l'economista britannico Thomas Malthus, le popolazioni umane tendono a crescere con una progressione ________ mentre le risorse fornite dal territorio aumentano in modo ________.
Ciò porta ad uno squilibrio tra la domanda di risorse della popolazione umana e l'offerta dell'ambiente; quando la domanda supera la ________ dell'ambiente subentrano fattori di varia natura (guerre, carestie, epidemie) che limitano l'aumento della popolazione. Malthus chiamò questi eventi "________".
Con questo suo ragionamento, Malthus fu il primo a porre il problema dei limiti dello sviluppo umano.
PosizionamentoPosizionamento
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Qual è il nostro ruolo ecologico?
Il ruolo ecologico della specie Homo sapiens è molto complesso. Come tutti gli organismi onnivori, la specie umana può collocarsi a più livelli nelle catene e nelle reti trofiche: per esempio, quando si nutre di cereali e legumi può essere considerata un consumatore di ________ grado; quando si alimenta di carne di erbivori è un consumatore di ________ grado; quando si nutre delle carni di predatori o pesca i grandi pesci oceanici può essere considerato un consumatore di ________ grado.
Ma l'essere umano va oltre: ha imparato ad allevare e coltivare, sostituendo alcune specie selvatiche con altre "addomesticate", acquisendo in questo modo un ruolo che nessun'altra specie ha. Questo è il risultato di una evoluzione non solo naturale, ma anche ________.
Completamento apertoCompletamento aperto
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Rinnovabile o no?
Individua, tre la seguenti risorse naturali, quelle che sono rinnovabili e quelle che non lo sono:
A: - un bosco
B: - l'energia del Sole
C: - i minerali, come l'oro, l'argento, l'alluminio
D: - il suolo
E: - il petrolio
Domande in serieDomande in serie
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Biologia

Una gestione...sostenibile

I due grafici si riferiscono a due campi contigui (quindi esposti alle medesime condizioni ambientali) che due differenti agricoltori
stanno coltivando utilizzando diverse strategie di gestione.
Quale dei due sta sfruttando le risorse del suo campo in modo sostenibile?
A:

Il contadino del campo rappresentato nel grafico A, perché il suo intervallo di raccolta è tale da permettere al campo di mantenere costante nel tempo la propria biomassa.
B:

Il contadino del campo rappresentato nel grafico B, perché il suo intervallo di raccolta diventa via via più breve e gli permette di effettuare più raccolti a parità di tempo.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza