INFO

Fisica

La lente utilizzata dal nostro occhio, e la cui curvatura è adattata alle diverse circostanze dal muscolo ciliare, si chiama:
A: cornea.
B: rètina.
C: pupilla.
D: cristallino.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

La miopia dell'occhio si può correggere:
A: con un sistema di due lenti, una convergente e una divergente.
B: con una lente convergente.
C: con una lente divergente.
D: con un sistema di due lenti convergenti.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Nella visione umana, la messa a fuoco delle immagini avviene:
A: confrontando le due immagini leggermente diverse prodotte dai due occhi.
B: elaborando i segnali provenienti al cervello dal nervo ottico.
C: variando la lunghezza focale del cristallino.
D: grazie al fenomeno della persistenza delle immagini sulla retina.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

In una macchina fotografica, l'obiettivo forma un'immagine:
A: virtuale e capovolta.
B: reale e capovolta.
C: virtuale e diritta.
D: reale e diritta.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una lente sferica si dice sottile quando:
A: il suo spessore è minore al centro che ai bordi.
B: il suo spessore è molto piccolo rispetto al raggio della sua circonferenza.
C: il suo spessore è molto minore del raggio di curvatura delle superfici sferiche che la delimitano.
D: il suo asse ottico è una retta che congiunge i centri delle sue superfici sferiche.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

I raggi incidenti su una lente sottile ne riemergono senza deviazioni apprezzabili:
A: in tutti e tre gli altri casi elencati.
B: quando sono paralleli all'asse ottico della lente.
C: quando passano per il centro della lente.
D: quando provengono dal fuoco della lente.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'immagine di una sorgente posta nel fuoco di una lente sottile convergente si forma:
A: nell'altro fuoco della lente.
B: nel centro della lente.
C: nel punto medio tra il centro della lente e l'altro fuoco.
D: all'infinito.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

La formula delle lenti sottili si può scrivere nella forma:
A: 1/p - 1/q = -1/f
B: q/p = 1 - p/f
C: 1/p - 1/q = 1/f
D: 1/p + 1/q = 1/f
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una lente divergente produce sempre:
A: immagini capovolte.
B: immagini reali.
C: immagini ingrandite.
D: immagini virtuali.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il potere diottrico di una lente è per definizione:
A: l'ingrandimento dato dalla lente.
B: la distanza focale della lente.
C: l'inverso dell'ingrandimento dato dalla lente.
D: l'inverso della distanza focale della lente.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Se si realizza una ripresa video a 12 fotogrammi al secondo, quante volte almeno dovrà essere proiettato lo stesso fotogramma perché si crei l'impressione di movimento continuo?
A: 3
B: 1
C: 24
D: 72
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Per le lenti spesse la formula delle lenti sottili:
A: non vale al di sopra di uno spessore critico.
B: vale, a patto che la lente spessa sia divergente.
C: non vale.
D: vale ancora, a patto di definire opportunamente le lunghezze che compaiono nell'equazione.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un cannocchiale fornisce un'immagine:
A: che è fortemente ingrandita rispetto all'originale.
B: che copre un angolo visuale maggiore dell'originale.
C: che ha dimensioni maggiori di quelle dell'originale.
D: che copre un angolo visuale minore dell'originale.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Qual è la differenza tra i cannocchiali astronomici e quelli terrestri, come i due cannocchiali di un binocolo?
A: I cannocchiali terrestri forniscono un'immagine più nitida.
B: I cannocchiali astronomici sono più lunghi.
C: I cannocchiali astronomici forniscono un'immagine diritta.
D: I cannocchiali terrestri forniscono un'immagine diritta.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Per una lente sottile convergente l'ingrandimento lineare si può scrivere nella forma:
A: G = p / f
B: G = q / f
C: G = p / q
D: G = q / p
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'aberrazione cromatica è dovuta:
A: alla presenza di impurità colorate.
B: alla presenza di raggi luminosi molto lontani dall'asse ottico.
C: alle dimensioni dell'apertura della lente.
D: alla dispersione della luce.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'aberrazione sferica delle lenti è dovuta:
A: alla presenza di raggi luminosi molto lontani dall'asse ottico.
B: alla dispersione della luce.
C: alla presenza di impurità colorate.
D: al fatto che la superficie della lente non ha forma esattamente sferica.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'ipermetropìa dell'occhio si può correggere:
A: con un sistema di due lenti divergenti.
B: con una lente convergente.
C: con un sistema di due lenti, una convergente e una divergente.
D: con una lente divergente.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

I raggi luminosi che colpiscono una lente sottile convergente parallelamente all'asse ottico e non molto lontani da esso, sono deflessi:
A: in modo da passare per il fuoco.
B: in modo che i loro prolungamenti passino per il centro.
C: in modo che i loro prolungamenti passino per il fuoco.
D: in modo da passare per il centro.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Come si tracciano i raggi luminosi attraverso una lente spessa?
A: Introducendo opportuni «salti» in corrispondenza della parte centrale della lente.
B: Non è possibile tracciarli.
C: Esattamente come nel caso delle lenti sottili.
D: Con la stessa tecnica usata per le lenti sottili divergenti.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il cannocchiale astronomico serve per osservare oggetti molto lontani.
Diversamente dal microscopio il cannocchiale ingrandisce gli oggetti, però ne crea un'immagine reale che è molto più vicina al nostro occhio.
Grazie all'ingrandimento lineare che ne risulta possiamo perciò distinguere molti più dettagli.
Le prime osservazioni astronomiche con un cannocchiale furono effettuate nel 1609 da Isaac Newton , che così scoprì per esempio l'esistenza dei quattro satelliti maggiori di Marte .
Trova erroreTrova errore
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un oggetto di altezza 10 cm è posto a 120 cm di distanza da uno specchio convesso che ha raggio pari a 80 cm.
La posizione dell'immagine virtuale è posta dietro lo specchio alla distanza focale f = ________ cm e pertanto q = ________ cm; ne consegue che l'ingrandimento è G = ________; l'altezza dell'immagine è ________ cm.
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il nostro occhio riesce a mettere a fuoco gli oggetti perché modifica la ________ del cristallino e, quindi, la sua ________ focale.
Questo meccanismo, che è chiamato ________, avviene grazie all'azione del ________ ciliare.
Completamento apertoCompletamento aperto
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il binocolo non è altro che una coppia di:
A: microscopi rovesciati.
B: microscopi.
C: macchine fotografiche, con i nostri occhi
al posto della pellicola.
D: cannocchiali terrestri.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un raggio di luce che arriva su una lente con una inclinazione qualunque:
A: è rifratto verso un punto del piano focale.
B: è rifratto verso il fuoco.
C: è rifratto parallelamente all'asse ottico.
D: è rifratto senza cambiare direzione.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una lente divergente produce sempre immagini:
A: ingrandite.
B: capovolte.
C: reali.
D: diritte.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una lente divergente produce sempre immagini che sono:
A: ingrandite.
B: rimpicciolite.
C: reali.
D: capovolte.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza