Unità 5 - L’imprenditore e l’impresa (Lezione 1,2,3,4)

15 esercizi
SVOLGI
Tipo di esercizi
Scelta multipla,
Completamento aperto,
Completamento chiuso,
Posizionamento,
Trova errore,
Vero o falso
Libro
Iuris tantum / Diritto civile e commerciale
Capitolo
Unità 5 - L’imprenditore e l’impresa (Lezione 1,2,3,4)
Libro
Iuris tantum / Diritto pubblico
Capitolo
Unità 5 - L’imprenditore e l’impresa (Lezione 1,2,3,4)
Libro
Forum / Volume 1 - Diritto civile
Capitolo
Forum A+B - L’imprenditore e l’impresa - L’azienda la concorrenza, il bilancio sociale e la sicurezza sul lavoro
Libro
Forum / Volume 2 - Diritto commerciale
Capitolo
Forum A+B - L’imprenditore e l’impresa - L’azienda la concorrenza, il bilancio sociale e la sicurezza sul lavoro
Libro
Forum / Volume 3 - Diritto pubblico
Capitolo
Forum A+B - L’imprenditore e l’impresa - L’azienda la concorrenza, il bilancio sociale e la sicurezza sul lavoro
Libro
Iuris Tantum RIM / Fino a prova contraria. Diritto civile e commerciale per l'articolazione RIM
Capitolo
Unità 5 - L’imprenditore e l’impresa (Lezione 1,2,3,4)
Libro
Iuris Tantum RIM / Diritto per il quinto anno RIM
Capitolo
Unità 5 - L’imprenditore e l’impresa (Lezione 1,2,3,4)
INFO

Diritto

L'institore.
Chi è l'institore?
A: Institori sono chiamati quei dirigenti (direttore di filiale, direttore dell'ufficio vendite, direttore di marketing) che hanno ugualmente il potere di compiere atti riguardanti l'esercizio dell'impresa, ma sono sottoposti al controllo di uno o più superiori gerarchici.
B: L'institore è definito dall'art. 2203 c.c., come colui che è preposto dal titolare all'esercizio dell'impresa commerciale o di una sede secondaria o di un ramo particolare di essa.
C: L'institore è un dipendente privo di funzioni direttive il quale, come si evince dall'art. 2210 c.c., rappresenta l'imprenditore unicamente nello svolgimento delle specifiche mansioni che gli sono state affidate.
D: L'institore e il titolare sono la stessa cosa.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Impresa, imprenditori e liberi professionisti.
A: L'impresa familiare può assumere la dimensione sia della piccola che della grande impresa.
B: L'imprenditore commerciale non è obbligato a iscriversi nel registro delle imprese.
C: Titolari d'impresa possono essere singoli individui o società, soggetti privati o soggetti pubblici.
D: Sono liberi professionisti coloro che esercitano una professione intellettuale con vincoli di subordinazione.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

L'impresa.
"È imprenditore chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata al fine della ________ o dello scambio di ________ o di servizi."
Elementi essenziali perché un'attività possa essere considerata impresa, si ricava dalla norma, sono la economicità, l'________, la professionalità e il fine dello ________. Il requisito della ________ sussiste se l'attività svolta è obiettivamente idonea a coprire almeno le spese con i ricavi. Ciò comporta che non sono imprese, per esempio, gli enti di beneficenza o di assistenza che producono servizi ma coprono le spese non con i propri ricavi ma con donazioni o sussidi ________. Il requisito dell'________ consiste nel coordinamento dei fattori produttivi. Fattori produttivi sono soprattutto il lavoro dei dipendenti e il ________, intendendo per quest'ultimo i beni necessari alla produzione.
Il requisito della ________ è ritenuto presente se l'attività è svolta in modo abituale e non occasionale. Il fine della produzione o dello scambio di ________ e servizi comporta che è imprenditore solo chi produce per il mercato e non per il solo autoconsumo.
Completamento apertoCompletamento aperto
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

L'imprenditore commerciale.
È imprenditore commerciale, secondo quanto dispone l'art. 2195 c.c., chi esercita:
• un'attività ________ diretta alla produzione di beni o di ________;
• un'attività ________ nella circolazione dei beni;
• un'attività di trasporto, ________ e bancaria;
• altre attività ________ delle precedenti.
PosizionamentoPosizionamento
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

La procedura fallimentare.
Il Tribunale fallimentare che accerti lo stato di insolvenza dell'imprenditore nominerà un ________ e un ________ che concretamente ________ per lo svolgimento della procedura fallimentare. Dalla emissione della sentenza il fallito perde la disponibilità ________, che passano sotto l'amministrazione del ________. Questi, in accordo con il ________, provvederà a calcolare lo stato passivo dell'imprenditore (cioè l'ammontare dei suoi debiti). Quindi procederà alla liquidazione ________, cioè alla vendita dei suoi beni personali ________ di quelli aziendali, cercando, se è possibile, di alienare in blocco ________ per conservarne la funzionalità. Con il ricavato verranno pagate le spese della procedura e il rimanente verrà impiegato per saldare prima ________ da una causa di prelazione e poi ________.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

La ditta "derivata".
Quando una ditta si dice derivata?
A: Quando è utilizzata direttamente dall'imprenditore che l'ha creata.
B: Quando è caratterizzata da una gestione a carattere familiare.
C: Quando chi la utilizza l'ha acquistata da altri insieme al resto dell'azienda.
D: Quando non è contraddistinta da un marchio.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Le norme della sicurezza sul lavoro nell'ordinamento giuridico italiano.
Tra gli obblighi del datore di lavoro vi è quello (importantissimo in ogni Paese civile) di garantire la salute e la sicurezza del lavoratore in azienda. Nel nostro ordinamento, dove sono essenzialmente contenute le norme sulla sicurezza del lavoro?
A: Nella Costituzione.
B: Nel Codice civile.
C: Nel Testo unico della sicurezza sul lavoro.
D: Nel Codice di procedura penale.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

L'attività economica ed i beni di un'azienda secondo l'ordinamento giuridico.
I termini ________ e azienda nel parlare corrente sono spesso utilizzati come sinonimi. Ma nel linguaggio giuridico essi assumono due significati ben distinti. L'________ è un'attività: più esattamente è l'attività economica ________ e svolta professionalmente dall'imprenditore al fine di produrre beni o erogare ________ per il mercato. L'azienda, invece, chiarisce l'art. ________ c.c., è il complesso dei ________ organizzati dall'imprenditore per l'esercizio dell'impresa.
Completamento apertoCompletamento aperto
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Il Testo unico della sicurezza sul lavoro.
L'art. ________ del Testo unico della sicurezza sul lavoro elenca le misure che, in via generale, devono essere assunte a tutela della ________ e della sicurezza dei dipendenti nei luoghi di lavoro. Dal lungo elenco selezioniamo alcuni dei più significativi obblighi del datore di lavoro. Il datore di lavoro, secondo quanto dispone la norma in esame, deve: valutare tutti ________ per la salute e la sicurezza in azienda; programmare misure ________; eliminare i rischi e, ove ciò non sia possibile, provvedere a ridurli al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al ________; sostituire ciò che è ________ con ciò che non lo è, o lo è di meno;  limitare al minimo il numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti ________; operare il controllo ________ sui lavoratori; formare e informare i lavoratori; prevedere le misure ________ da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato; effettuare la regolare manutenzione ________, attrezzature e impianti.
PosizionamentoPosizionamento
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

I beni immateriali che compongono l'azienda.
Tra i beni immateriali che compongono l'azienda possono esservi anche:
• opere d'________, cioè opere letterarie, artistiche o scientifiche, che danno luogo al diritto d'________;
• ________ industriali, cioè creazioni suscettibili di immediata applicazione nel campo produttivo, che danno luogo al diritto di ________.
Sia il diritto d'________ che il diritto di ________ accordano al titolare la facoltà di sfruttare, personalmente e in modo esclusivo, la propria opera oppure di cedere ad altri tale facoltà. Poiché questi diritti attribuiscono al titolare poteri molto ampi sono spesso accostati alla ________ e si parla, a questo proposito, di "________ immateriale". Tuttavia, mentre la ________ è un diritto imprescrittibile, le creazioni dell'________, hanno una tutela limitata nel tempo.
Completamento apertoCompletamento aperto
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Il diritto patrimoniale.
Quanto dura il diritto patrimoniale, cioè il diritto allo sfruttamento economico dell'opera?
A: Per tutta la vita dell'autore e ancora 70 anni dopo la sua morte ed è alienabile.
B: Per tutta la vita dell'autore e termina con la sua morte.
C: Per cinquanta anni.
D: Per tutta la vita dell'autore e ancora 150 anni dopo la sua morte e non è alienabile.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Brevetti e diritti d'autore.
A: Il know how è brevettabile.
B: Il software è considerato un'opera d'ingegno di carattere creativo e come tale è tutelata dalle norme sul diritto d'autore.
C: All'autore di una invenzione industriale viene riconosciuto sia il diritto morale, cioè il diritto di essere riconosciuto autore dell'invenzione, sia il diritto allo sfruttamento esclusivo dell'invenzione.
D: Le scoperte scientifiche sono brevettabili.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

La normativa sulla pubblicità.
La normativa sulla pubblicità è oggi in gran parte contenuta nel ________, emanato con d.lgs. n. 206 del 2005. La pubblicità, stabilisce l'art. ________ del Codice, deve essere:
• ________ (non deve contenere false informazioni);
• ________ (il consumatore deve sapere che il messaggio che sta ricevendo è di tipo pubblicitario);
• corretta (non deve contenere ambiguità).
È vietata, per contro, ogni forma di pubblicità ingannevole. È ingannevole, chiarisce l'art. 20 del medesimo Codice, la pubblicità che per i suoi ________ sia idonea a indurre in errore i soggetti ai quali è rivolta. E il susseguente art. 21 fornisce un elenco indicativo di caratteri a cui si deve avere riguardo per valutare se il messaggio è ingannevole oppure no. In particolare devono essere veritiere le caratteristiche ________, i risultati garantiti dall'impiego di quel dato bene o dall'uso di quel determinato servizio, i risultati ottenuti dalle prove o dai controlli effettuati.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

La tutela dei consumatori.
A tutela dei consumatori, nel 2010 è entrato in vigore l'art. 140 bis del Codice di ________ che ha introdotto nel nostro ordinamento la cosiddetta "class ________". La class ________ è l'azione con la quale un gruppo di ________ o di utenti di un servizio che si ritengano danneggiati dal medesimo fatto realizzato da un'impresa (e pertanto individuati come appartenenti a una medesima classe) può attivare un unico ________ per accertare le responsabilità e ottenere il ________ del danno subìto.
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

La libera concorrenza.
La libera concorrenza ha la funzione essenziale di demotivare gli imprenditori a migliorare la qualità dei prodotti e a aumentare i prezzi di vendita, con effetti pessimi per l'occupazione e per l'economia in generale. Tuttavia essa deve svolgersi in modo scorretto e l'ordinamento premia i comportamenti volti a danneggiare i concorrenti con metodi sleali. Costituiscono concorrenza sleale, secondo l'art. 2598 c.c.:
• gli atti idonei a cancellare confusione con i prodotti o con l'attività dei concorrenti;
• gli atti promotori di prodotti altrui o diretti ad appropriarsi di pregi che appartengono ai prodotti o all'impresa altrui;
• ogni altro atto favorevole alla correttezza professionale.
Trova erroreTrova errore
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza