Filtri

Diritto

A: Ogni Comune deve predisporre una Carta dei servizi
B: La rete dei servizi sociali è affidata solo a strutture gestite dal settore non profit
C: Le ONG sono soggetti appartenenti al terzo settore
D: Il Piano nazionale in materia di assistenza sociale è predisposto dal Ministro degli Interni
E: Il principio solidarista è enunciato nell'art. 2 Cost.
F: Nel 2000 è stato delineato un nuovo sistema di interventi e servizi sociali
G: Le cooperative sociali non appartengono al terzo settore
H: Il Piano di zona è predisposto dalla Regione
I: A favore delle ONLUS sono previste agevolazioni fiscali
J: I comuni realizzano gli interventi sociali a livello locale
Vero o falsoVero o falso
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali prevede la partecipazione:
A: di soggetti pubblici e privati
B: di una pluralità di soggetti o di enti pubblici
C: solo di soggetti privati
D: di soggetti appartenenti all'amministrazione diretta e indiretta dello Stato
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Non fanno parte del terzo settore:
A: le associazioni di volontariato
B: le cooperative sociali
C: i Comuni e le Province
D: le imprese sociali
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

I Comuni attraverso il Piano di zona:
A: governano la rete dei servizi sociali a livello nazionale
B: indicano i livelli essenziali delle prestazioni sociali
C: definiscono le risorse del Fondo nazionale, da destinare annualmente alle politiche sociali
D: governano la rete dei servizi sociali a livello locale
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Il modello organizzativo della riforma del 2000 si basa sui seguenti principi:
A: particolarità dei destinatari
B: sussidiarietà e integrazione di servizi e prestazioni sociali
C: esclusività degli interventi riservati a strutture pubbliche
D: esclusività dei soggetti ricompresi in ambito pubblico
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

La Carta dei servizi sociali definisce:
A: le risorse da destinare all'assistenza
B: le priorità del sistema integrato
C: i livelli essenziali delle prestazioni sociali
D: i criteri e le modalità di accesso al servizio
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Nell'ambito dell'assistenza sociale le Regioni:
A: attuano il sistema integrato di interventi e servizi sociali a livello locale
B: programmano gli ambiti territoriali e gli strumenti per la gestione della rete dei servizi sociali
C: hanno solo funzioni residuali e accessorie
D: esercitano poteri di indirizzo, coordinamento e regolazione in tema di politiche sociali
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Il Piano nazionale per i servizi di assistenza sociale deve indicare:
A: i livelli essenziali ed uniformi delle prestazioni sociali su tutto il territorio del Paese
B: le forme di partecipazione dei soggetti privati e del terzo settore
C: le modalità di coordinamento del Welfare locale
D: i requisiti delle prestazioni sociali in relazione ai livelli essenziali
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Il Fondo nazionale per le politiche sociali:
A: promuove lo sviluppo delle politiche economiche
B: è stato soppresso
C: è il principale strumento di finanziamento pubblico delle politiche sociali
D: è stato istituito nel 1976
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

L'indicatore della situazione economica ISE è dato:
A: dalla somma dei redditi del nucleo familiare fiscale
B: dal patrimonio del nucleo familiare
C: dalla composizione del nucleo familiare
D: dal reddito di tutti i componenti del nucleo familiare e del loro patrimonio
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

Il principio di sussidiarietà verticale:
A: favorisce i rapporti tra istituzioni e associazioni
B: riconosce potere decisionale all'istituzione più vicina ai cittadini
C: favorisce i rapporti tra i soggetti pubblici e i soggetti del terzo settore
D: riconosce potere decisionale all'istituzione più lontana ai cittadini
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza