INFO

Fisica

Quale fra le seguenti affermazioni riguardanti il principio di indeterminazione non è corrretta?
A: La durata di una misurazione sull'energia influenza la precisione del valore trovato: più è breve la durata, meno è preciso il valore dell'energia.
B: Se il valore della costante di Planck fosse più piccolo di una trentina di ordini di grandezza rispetto a quello reale, gli oggetti macroscopici risentirebbero in modo non più trascurabile degli effetti del principio di indeterminazione.
C: Il principio di indeterminazione vale anche per gli oggetti macroscopici, ovvero, anche per un pallone da calcio non è possibile stabilire con arbitraria precisione qual è la sua velocità e la sua posizione.
D: Non è possibile che una particella sia ferma in una certa posizione.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un elettrone è confinato a muoversi in un certo volume di spazio. Nell'ipotesi in cui venga ridotto il volume di spazio in cui può muoversi:
A: aumenta l'incertezza sulla sua posizione.
B: aumenta l'incertezza sulla sua quantità di moto.
C: diminuisce l'incertezza sulla sua quantità di moto.
D: la quantità di moto si conserva, quindi neanche la sua incertezza può cambiare.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

La determinazione della massa di una particella in moto:
A: non può essere effettuata con precisione arbitraria per motivi concernenti la teoria della relatività ristretta di Einstein e non per effetti quantistici.
B: può essere effettuata con un'incertezza inversamente proporzionale all'incertezza sulla sua posizione.
C: può essere effettuata con precisione arbitraria poiché il principio di indeterminazione esprime dei vincoli solo sull'incertezza di posizione, velocità, energia e tempo.
D: può essere effettuata con un'incertezza direttamente proporzionale alla durata della corrispondente misurazione.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il moto di una particella microscopica, diversamente da quanto avviene per i corpi macroscopici, è perturbato in modo imprevedibile dai fotoni con i quali si vuole determinare la sua ________, quindi risulta impossibile sapere con arbitraria precisione e contemporaneamente dove la particella si trova e che ________ ha; nel mondo microscopico dobbiamo allora rinunciare all'idea classica di ________, intesa come una linea geometrica che fornisce in ogni istante la posizione della particella e la ________ del moto.
PosizionamentoPosizionamento
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

A: La seconda forma del principio di indeterminazione afferma che l'incertezza sulla misura dell'energia è inversamente proporzionale alla durata della misurazione.
B: Dalla prima forma del principio di indeterminazione si può ricavare l'impossibilità per una particella di trovarsi ferma in una certa posizione.
C: Dalla seconda forma del principio di indeterminazione si ricava che per conoscere cosa accade in un intervallo di tempo molto piccolo occorre impartire energie molto piccole, così che, dopo la misura, l'energia del sistema ha una piccolissima indeterminazione.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza