INFO

Fisica

L'energia complessivamente fornita dal generatore durante il processo di carica di un condensatore in un circuito RC è:
A: uguale alla metà di quella fornita al condensatore.
B: uguale a zero.
C: uguale al doppio di quella fornita al condensatore.
D: uguale a quella fornita al condensatore.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Durante il processo di scarica di un condensatore in un circuito RC:
A: l'energia elettrica resta immagazzinata tra le due armature del condensatore.
B: la legge di conservazione dell'energia viene violata.
C: l'energia ceduta dal condensatore che si scarica diventa energia interna del resistore.
D: l'energia ceduta dal condensatore che si scarica, ricarica il generatore.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il prodotto di una resistenza per una capacità ha le dimensioni fisiche di:
A: una lunghezza.
B: una carica elettrica.
C: un tempo.
D: un'energia.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il «gas» di elettroni che riempie il reticolo cristallino di un metallo è costituito:
A: dagli elettroni più vicini ai nuclei dei singoli atomi.
B: da tutti gli elettroni dei singoli atomi.
C: dagli elettroni più lontani dai nuclei dei singoli atomi.
D: dagli elettroni pompati dal generatore esterno.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il segnale di chiusura di un circuito si propaga lungo il conduttore metallico che lo costituisce a una velocità che ha un ordine di grandezza pari a:
A: 10-4 m/s
B: 106 m/s
C: 108 m/s
D: 10-5 m/s
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Se L è la lunghezza di un filo conduttore, A l'area della sua sezione trasversale, R la sua resistenza e r la resistività del materiale di cui è composto, la seconda legge di Ohm si può scrivere nella forma:
A: R = r . A / L
B: r = A . L / R
C: r = R . A / L
D: R = A . L / r
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Consideriamo due fili cilindrici di uno stesso metallo, le cui dimensioni (lunghezza e raggio) siano in un rapporto di 1 : 2. Quale sarebbe in tal caso il valore del rapporto tra le rispettive resistenze dei due fili?
A: 1 : 4
B: 1 : 2
C: 4 : 1
D: 2 : 1
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Se la temperatura assoluta di un conduttore metallico raddoppia, la sua resistività:
A: raddoppia.
B: diminuisce di una quantità che non si può precisare in generale.
C: aumenta di una quantità che non si può precisare in generale.
D: si dimezza.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

La resistività r(T) di un materiale alla temperatura T (espressa in kelvin) può essere scritta come:
A: r(T) = r(T0) · aT
B: r(T) = r(T0) · a(T - T0)
C: r(T) = r(T0) · [1 + a(T - T0)]
D: r(T) = r(T0) · (1 + aT)
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'aumento della resistività con la temperatura si può spiegare, in prima approssimazione, con il fatto che:
A: gli urti tra gli elettroni di conduzione e gli ioni del reticolo diventano più rari.
B: gli elettroni di conduzione hanno un moto di agitazione termica più energetico.
C: gli urti tra gli elettroni di conduzione e gli ioni del reticolo diventano più frequenti.
D: gli elettroni di conduzione sono più fortemente legati agli atomi del reticolo.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un filo conduttore alla temperatura T ha una resistenza R che dipende dal raggio r della sua sezione, dalla sua lunghezza L e dalla sua resistività. Come si può raddoppiare la resistenza R, se si suppone di far variare una sola grandezza per volta?
A: Dimezzando T.
B: Raddoppiando r.
C: Dimezzando r.
D: Riducendo r di un fattore 1,41 (radice quadrata di 2).
E: Raddoppiando L.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

In un anello di filo superconduttore:
A: non si ha effetto Joule.
B: la corrente rimane invariata anche in assenza di generatore.
C: la resistenza è uguale a zero.
D: la corrente si deve al movimento degli ioni positivi.
E: per definizione, la temperatura del materiale si mantiene sempre al di sopra della temperatura critica.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Qual è la differenza di potenziale che si può ottenere dal contatto di due o più materiali alla stessa temperatura, conoscendo i valori del lavoro di estrazione dati a fianco?
Ferro-Zinco: ΔV= ________ volt
Ferro-Rame: ΔV= ________volt
Rame-Zinco: ΔV= ________ volt
Ferro-Rame-Ferro: ΔV= ________volt
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

A: In un condensatore la corrente di carica ha la stessa intensità della corrente di scarica ma verso opposto.
B: In un circuito RC l'intensità di corrente è massima all'istante iniziale e tende ad annullarsi al passare del tempo.
C: L'accumulo di carica sulle armature del condensatore può dirsi concluso quando la differenza di potenziale tra le armature è uguale alla forza elettromotrice del generatore.
D: In un circuito RC la corrente elettrica diminuisce nel tempo con un andamento lineare.
E: La corrente elettrica che circola in un condensatore si deve al passaggio degli elettroni attraverso lo spazio vuoto compreso tra le sue armature.
Vero o falsoVero o falso
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Se in un circuito RC si aumenta il valore della resistenza, a parità di tutte le altre condizioni, il processo di carica e scarica del condensatore:
A: avverrà più rapidamente.
B: richiederà più tempo.
C: richiederà meno tempo.
D: richiederà lo stesso tempo.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il funzionamento del potenziometro si basa su
A: la prima legge di Ohm.
B: la seconda legge di Ohm.
C: l'effetto Joule.
D: la seconda legge di Kirchhoff.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il funzionamento della termocoppia si basa su
A: l'effetto Seebeck.
B: l'effetto fotoelettrico.
C: l'effetto Volta.
D: l'effetto termoionico.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un materiale con resistività dell'ordine di 10-1 Ω⋅m a 20 °C può essere considerato un materiale
A: isolante
B: semiconduttore
C: conduttore
D: superconduttore
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un elettronvolt (eV) è per definizione
A: il lavoro compiuto dalla forza elettrica su una carica negativa quando si sposta tra due punti la cui differenza di potenziale è 1 V.
B:  il lavoro compiuto dalla forza elettrica su una carica positiva quando si sposta tra due punti la cui differenza di potenziale è  1 V.
C: il lavoro compiuto, in valore assoluto, dalla forza elettrica su un elettrone quando si sposta tra due punti la cui differenza di potenziale è 1 V.
D: il lavoro compiuto, in valore assoluto, dalla forza elettrica su una carica di prova quando si sposta tra due punti la cui differenza di potenziale è 1 V.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'effetto Joule consiste nel fatto che:
A: un conduttore metallico può essere attraversato dalla corrente elettrica.
B: se un conduttore metallico è attraversato dalla corrente elettrica, la sua temperatura diminuisce.
C: un conduttore metallico attraversato dalla corrente elettrica si riscalda.
D: un conduttore metallico attraversato dalla corrente elettrica ha una resistenza diversa da zero.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza