Tipo di esercizi
Scelta multipla,
Completamento aperto,
Completamento chiuso,
Posizionamento,
Trova errore,
Vero o falso
Libro
La storia. Progettare il futuro. Seconda Edizione / Volume 1 - Dall'anno Mille al Seicento.
Capitolo
Capitolo 6 - L’ultimo scontro tra Papato e Impero
INFO

Storia

La Sicilia.
I nobili siciliani compresero che per liberarsi dal dominio aragonese avevano bisogno di un aiuto esterno. Si rivolsero quindi a Carlo III che aveva sposato l'ultima discendente sveva, Costanza, figlia di Corradino, e dopo la morte di quest'ultimo era diventato un punto di riferimento per gli esuli guelfi. Carlo III ottenne così la Sicilia.
Trova erroreTrova errore
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

Il tramonto di Federico II.
________ si alleò di nuovo con i Comuni ostili a Federico II. A ________, nel 1248, l'esercito dell'imperatore fu clamorosamente sconfitto; l'anno dopo, a ________, Enzo, figlio naturale di Federico, fu catturato ________ e per più di vent'anni, cioè finché visse, fu tenuto prigioniero nella torre del palazzo del podestà di ________, oggi noto come "il palazzo di re Enzo". Federico II in quegli anni aveva anche dovuto fare ampie concessioni ai feudatari ________, i quali si erano ribellati più volte e avevano appoggiato la lotta dei Comuni italiani. A capo di queste ribellioni si era posto il suo stesso figlio, ________, che, sottomessosi infine al padre, morì forse suicida durante la prigionia (1242). Nel ________ anche Federico II morì.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

La successione al trono di Federico II.
Tra i figli di Federico II, fu ________, già re di ________ dal 1237, a succedere al padre come re di ________; egli, tuttavia, non riuscì a farsi incoronare imperatore e morì nel 1254, a soli 26 anni e i cronisti dell'epoca avanzarono il sospetto che ________ fosse responsabile della morte precoce del fratello, anche perché poco dopo usurpò il suo regno facendosi incoronare re al posto di ________.  Urbano IV (1261-1264) decise di contrapporre al nuovo sovrano un valido avversario, ovvero ________, fratello del re ________.
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

La fine della dinastia sveva in Italia.
Chi fu l'ultimo degli Hohenstaufen con cui finì la dinastia sveva in Italia meridionale?
A: Manfredi.
B: Tagliacozzo.
C: Corradino.
D: Carlo I.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

Il programma teocratico di Innocenzo III.
Alla fine del XII secolo, il progetto teocratico di ________ VII fu ripreso da un altro grande papa, Innocenzo III (1198-1216). In passato tutti i papi si erano definiti "vicari di san ________". Invece l'energico Innocenzo III si definì "vicario di ________"; voleva in questo modo sottolineare che non solo egli era storicamente il successore di ________ apostolo, ma che la sua autorità sostituiva addirittura quella di ________. Egli doveva essere la guida di tutti i cristiani, cioè dell'intera società medievale, e aveva il diritto di intervenire non solo nelle questioni religiose ma anche in quelle terrene. Innocenzo III riteneva che il suo potere derivasse direttamente da Dio: i sovrani dovevano essergli sottomessi come figli devoti.
Completamento apertoCompletamento aperto
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

L'influenza politica di Innocenzo III.
Alla morte prematura di ________, che aveva lasciato come erede un bambino di tre anni, ________, in Germania era scoppiata una contesa fra le principali casate nobiliari per la successione al trono imperiale. ________ si inserì in questa disputa, pensando di poterne essere l'arbitro e in un primo tempo favorì il candidato del partito guelfo, ________, della casa di ________, e lo incoronò imperatore nel 1209. Vista però la scarsa lealtà del nuovo re, che si dimostrò meno incline del previsto ad accettare le sue direttive, il papa cambiò idea e lo scomunicò, accusandolo di tradimento. Il papa, allora, sperando che ________ fosse più ubbidiente, poiché era cresciuto sotto la sua tutela, nel 1215 lo volle re di Germania. Morto Innocenzo III, il giovane re riuscì, nel 1220, a farsi incoronare imperatore con il nome di ________ dal nuovo papa ________.
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

La tolleranza di Federico.
Fra il 1222 e il 1224 Federico dovette affrontare i Catari di Sicilia che erano diventati padroni di vastissimi territori. Li sconfisse e li deportò in massa a Lucerna, nella Svizzera settentrionale, permettendogli di continuare a vivere secondo le loro abitudini e di professare pubblicamente la loro religione protestante. Questo atteggiamento di tolleranza, del tutto inconsueto per l'epoca, suscitò molte critiche fra i contemporanei.
Trova erroreTrova errore
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

Le Costituzioni melfitane.
Tornato dalla crociata Federico II riprese l'opera di riordinamento del regno ed emanò nel 1231 a Melfi, in ________, il Liber Augustalis ("Libro dell'________"), ovvero le "Costituzioni del regno di ________", più note come Costituzioni melfitane; in esse esponeva i principi secondo i quali intendeva governare. Federico II, aiutato dai suoi consiglieri, aveva riscoperto il diritto pubblico ________, codificato nel Corpus iuris civilis dall'imperatore ________ nel VI secolo d.C. Facendo riferimento a questa base giuridica egli sosteneva che il suo potere non derivava affatto dal ________, ma da Dio, dall'eredità dell'Impero romano e «per la stessa necessità naturale» che hanno gli uomini di avere un capo che li governi. La sovranità si esercitava mediante le ________, applicate correttamente dai giudici; era perciò proibito vendicarsi e organizzare rappresaglie. Nessuno era al di sopra della legge, neanche il sovrano.
Completamento apertoCompletamento aperto
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

Federico II e i Comuni.
Federico II e i Comuni.
A: Il progetto di riordino del regno di Sicilia suscitò grandi timori in Italia meridionale, dove i Comuni sospettavano che Federico II avrebbe presto esteso quel modello a tutti i territori dell'Impero. L'imperatore, in effetti, entrò subito in conflitto con i Comuni, ai quali revocò, dopo un lungo contendere, con la dieta di Cremona del 1226, tutte le concessioni che essi erano riusciti a ottenere da Federico Barbarossa con la pace di Costanza del 1183.
B: Molti Comuni, appoggiati da Gregorio IX, costituirono allora una lega guelfa, ma nel 1237 Federico e i Comuni ghibellini, suoi alleati, la sconfissero a Cortenuova, presso Bergamo.
C: Federico si impossessò in questa battaglia del carroccio di Milano e lo portò trionfalmente a Cremona, con il podestà della città legato all'albero del carro.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

Il successore di Federico II.
Chi fu incoronato re di Germania alla morte di Federico II?
A: Manfredi.
B: Enrico VII.
C: Corrado IV.
D: Federico III.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza