INFO

Fisica

Osserva la figura in cui una gru solleva a velocità costante un carico di mattoni; poi indica, tra le frasi seguenti, l'unica sbagliata.
A: La forza F esercitata dalla gru ha lo stesso modulo del peso del carico.
B: Il lavoro fatto dalla gru si determina con la formula L = F · s.
C: La forza F esercitata dalla gru ha la stessa direzione e lo stesso verso dello spostamento del carico.
D: La forza F esercitata dalla gru è costante.
E: Per determinare il lavoro fatto dalla gru bisogna conoscere il peso del carico e l'altezza complessiva della gru.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Osserva la figura e completa il testo.
Nel caso rappresentato in figura, la forza F è quella esercitata dall'uomo che tiene sollevata la valigia e ha lo stesso modulo ________. Questa forza ha direzione ________ mentre lo spostamento della valigia è orizzontale. Il ________ della forza è uguale al prodotto tra il modulo dello spostamento e il ________ della componente della forza nella direzione ________: questa componente è nulla e quindi il lavoro è ________.
PosizionamentoPosizionamento
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Osserva la figura, poi tra le frasi seguenti indica quelle sbagliate.
N.B. nel testo i vettori sono indicati in grassetto.
A: Il lavoro fatto da F è detto lavoro motore
B: Fs è la componente di F nella direzione perpendicolare allo spostamento.
C: In questo caso non si può usare il modulo di F nella formula L = F · s.
D: Per determinare il lavoro bisogna moltiplicare il modulo di Fs per quello di F.
E: Fs è il vettore indicato con il tratteggio nero nello schema in alto.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Osserva la figura e scegli le affermazioni corrette.
A: La figura mostra un esempio in cui la forza F non ha la stessa direzione dello spostamento.
B: La figura mostra un esempio di lavoro resistente.
C: Il lavoro compiuto dalla forza è negativo, perché forza e spostamento hanno verso opposto.
D: Per calcolare il lavoro di F dobbiamo determinare la sua componente orizzontale.
E: Il lavoro compiuto dalla forza è positivo, perché forza e spostamento hanno la stessa direzione.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Considera la formula L = m · g · h e scegli nel testo le alternative corrette.

Questa formula permette di calcolare ________ per spostare un oggetto di massa m da un punto a un altro, se ________ tra i due punti è h. La traiettoria seguita nello spostamento ________ sul lavoro da calcolare. Il prodotto m · g dà il modulo ________ dell'oggetto, quindi anche il modulo della forza da applicare per sollevarlo; forza applicata e ________ hanno stessa direzione e stesso verso, quindi è sufficiente moltiplicare il modulo della forza per h.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Devi caricare una cassa pesante sul pianale di un camion, che è alto 1 m rispetto al piano stradale. Puoi sollevare verticalmente la cassa e appoggiarla sul pianale, oppure spingerla lungo una rampa obliqua che collega la strada al pianale del camion. Per ciascuna delle seguenti frasi, indica se è vera o falsa.
A: In entrambi i casi devi applicare la stessa forza, perché essa non dipende dal percorso scelto.
B: Usando la rampa, devi applicare una forza minore, anche se per un tratto più lungo.
C: Se la cassa è molto pesante conviene sollevarla verticalmente dato che il percorso è più breve.
D: In entrambi i casi la forza che devi applicare ha la stessa direzione e lo stesso verso dello spostamento.
E: Senza la rampa devi applicare una forza uguale al peso della cassa, con la rampa ti basta uguagliare una componente del peso.
Vero o falsoVero o falso
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Per sollevare un masso dal suolo fino a una certa altezza è necessario compiere ________. Per esempio, è necessario che una persona o una macchina sviluppino ________ pari al peso del masso, affinché sia possibile sollevarlo verticalmente. Il lavoro così compiuto ________ perduto: questo lavoro ha ________ al masso energia ________. Questa energia a sua volta mette il masso in condizioni di compiere lavoro: se cade di nuovo verso il basso può piantare un palo nel terreno, oppure accartocciare la carcassa di un'automobile da rottamare.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Supponi di allungare una molla tirando un suo estremo con una forza, fino a provocarne un allungamento s. Tra le affermazioni seguenti indica l'unica sbagliata.
A: Come tutti i corpi elastici, la molla accumula energia quando subisce una deformazione.
B: La forza che devi applicare aumenta con l'allungamento progressivo della molla.
C: Per determinare il lavoro compiuto, puoi moltiplicare l'allungamento finale s per la forza che ha provocato questa deformazione.
D: In ogni istante durante la deformazione, forza applicata e spostamento hanno stessa direzione e stesso verso.
E: A causa del lavoro compiuto, la molla accumula energia potenziale elastica.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Per ciascuna delle frasi seguenti indica se è vera o falsa.
A: L'energia cinetica di un corpo, in moto con una certa velocità, è pari al lavoro fatto sul corpo per far sì che partendo da fermo raggiunga quella velocità.
B: L'energia cinetica di un corpo è sempre proporzionale al quadrato della sua velocità.
C: Per ricavare la relazione Ecin = ½ · m · v2 si usa anche la legge oraria del moto uniformemente accelerato con partenza da fermo.
D: L'energia cinetica posseduta da un corpo in moto dipende dall'intensità della forza che lo ha accelerato fino a quella velocità.
E: A differenza dall'energia potenziale, l'energia cinetica di un corpo in moto non può essere utilizzata per compiere lavoro.
Vero o falsoVero o falso
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una persona di massa m sale quattro piani di scale, arrivando all'altezza h rispetto al suolo. Per far questo compie il lavoro L = m · g · h. Salire gli scalini lentamente o velocemente non fa differenza: il tempo impiegato per la salita non modifica ________. Allora perché facendo le scale di corsa si arriva più stanchi? È cambiata ________ che abbiamo impiegato: questa grandezza indica il lavoro compiuto nell'unità di tempo, e si calcola dividendo il lavoro complessivo per il tempo in cui è stato fatto. Quindi fare un certo lavoro in un tempo minore comporta una potenza ________. L'unità di misura della potenza è il ________.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Osserva la figura che rappresenta la variazione dell'energia potenziale gravitazionale di un corpo in moto e scegli le affermazioni corrette.
A: Il grafico potrebbe rappresentare la variazione dell'energia potenziale gravitazionale di un corpo spinto una rampa in salita.
B: Non è possibile stabilire la direzione dello spostamento del corpo cioè se esso si muove al livello del suolo, se sta salendo o se sta scendendo.
C: L'energia potenziale gravitazionale del corpo si annulla quando esso ha percorso la distanza h.
D: Dal grafico si può dedurre che l'energia potenziale gravitazionale sta diminuendo mentre il corpo si muove
E: In base al grafico si può dedurre che l'energia potenziale gravitazionale è massima quando inizia il moto del corpo.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Osserva la figura, che rappresenta la variazione dell'energia cinetica di un corpo in moto. Poi, tra le affermazioni successive indica l'unica sbagliata.
A: Dal grafico si deduce che la velocità del corpo sta sicuramente aumentando.
B: Dal grafico non possiamo dedurre se varia l'energia potenziale gravitazionale del corpo.
C: Il segmento di retta indica che il moto è sicuramente rettilineo uniforme.
D: Il grafico potrebbe rappresentare il moto di un corpo che sta accelerando, rimanendo sempre al livello del suolo.
E: Il grafico potrebbe rappresentare il moto di un corpo che sta scendendo dalla quota h fino al suolo.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Osserva la figura e completa il testo scegliendo le alternative corrette.

Il grafico riporta l'andamento dell'energia ________ al variare della ________ del corpo. Se il segmento verde rappresenta la variazione dell'energia potenziale gravitazionale, allora il corpo si sta sicuramente muovendo verso ________; se invece rappresenta l'energia di un corpo che sale verso l'alto, allora lo stesso segmento verde indica la variazione dell'energia ________. Durante il moto di un corpo comunque ________ delle due forme di energia meccanica è costante, come indica il segmento rosso orizzontale.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Lanci una pallina verso l'alto e supponi che durante il suo moto si possa trascurare l'attrito con l'aria. La velocità della pallina che sale ________ e diminuisce la sua energia ________, che è ________ quando viene lanciata. Questa variazione è compensata da una variazione di energia ________, che ________ con il salire della pallina. Complessivamente, la somma delle due quantità di energia ________ durante tutto il moto. In particolare, nel punto di massima altezza, quando la velocità è ________, tutta l'energia cinetica iniziale si è trasformata in energia potenziale gravitazionale.
PosizionamentoPosizionamento
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un sasso di massa 1 kg sta in bilico sull'orlo di un dirupo, quando un colpo di vento lo fa cadere giù. Il dirupo è profondo 10 m. Considera il sasso in moto di caduta libera. Tra le frasi seguenti, indica quelle corrette (nei calcoli puoi approssimare l'accelerazione di gravità g a 10 m/s2).
A: L'energia meccanica totale del masso, durante tutta la caduta, vale circa 100 J.
B: Se il sasso fosse caduto da 20 m di altezza, la sua velocità finale sarebbe stata il doppio ma la sua energia totale sarebbe stata la stessa, perché la sua massa rimane uguale.
C: Quando il sasso si trova all'altezza di circa 6 m dal fondo raggiunge la velocità di 10 m/s.
D: Il masso tocca terra con l'energia cinetica di circa 100 J.
E: A 4 m dal fondo del dirupo , l'energia cinetica del sasso è circa 60 J.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un ciclista che sta viaggiando a una certa velocità smette di pedalare lungo un tratto piano di strada. Dopo poco si ferma, cioè la sua energia ________ si annulla. Questa diminuzione non è compensata da un corrispondente aumento di energia potenziale gravitazionale, dato che la quota del ciclista non è cambiata. In questo caso quindi l'energia ________ del ciclista non si è ________. La causa del rallentamento è l'attrito con l'aria e quello tra le ruote e l'asfalto. Dato che gli pneumatici si sono un po' riscaldati si può dire che l'energia cinetica persa si è ________ in energia ________, a causa del lavoro compiuto dalle forze di attrito.
PosizionamentoPosizionamento
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una pallina viene lasciata cadere da una certa altezza. Misurando la velocità finale della pallina si trova che l'energia cinetica con cui tocca il suolo è diversa dall'energia potenziale gravitazionale iniziale. Tra le affermazioni seguenti indica l'unica corretta.
A: Modificando il punto di caduta si trova l'altezza che consente di verificare il principio di conservazione dell'energia.
B: Visti i risultati ottenuti, il moto della pallina può essere considerato di caduta libera.
C: Deve essere stato fatto un errore di misura o di calcolo perché non si può contraddire il principio di conservazione dell'energia meccanica.
D: L'energia cinetica della pallina quando raggiunge il suolo è in ogni caso maggiore di quella potenziale gravitazionale iniziale.
E: I risultati ottenuti si interpretano considerando che la caduta avviene nell'aria.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Osserva la figura, che rappresenta l'apparecchiatura usata da Joule nel suo esperimento sull'equivalente meccanico del calore, e scegli le affermazioni corrette.
A: Joule determinò l'energia meccanica "persa" con la caduta dei pesi e quella termica acquistata dall'acqua.
B: Sviluppando i calcoli a partire dai dati riscontrati da Joule si ha che 4,17 calorie di energia termica corrispondono a 1 J di energia meccanica.
C: Joule non aveva necessità di conoscere la massa d'acqua contenuta nel recipiente.
D: L'energia potenziale "persa" dai pesi si trasforma in energia termica a causa dell'attrito tra le pale del mulinello e l'acqua
E: Il termometro serviva a misurare l'aumento di temperatura dell'acqua.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

A: Sulla base dei dati riscontrati da Joule nel suo esperimento si ricava il fattore 4,17 J/cal: la quantità di energia meccanica "persa" con la discesa dei pesi era pertanto 4,17 volte maggiore della quantità di calore ricevuta dall'acqua.
B: Il calore può essere espresso sia in calorie sia in joule: a partire dai calcoli di Joule, per convertire in calorie un dato espresso in joule occorre dividere per il fattore 4,17.
C: L'energia totale del sistema predisposto da Joule si conserva.
D: L'esperimento condotto da Joule servì a dimostrare il principio di conservazione dell'energia meccanica.
E: L'apparecchiatura usata da Joule è un esempio di macchina termica, perché trasforma calore in lavoro.
Vero o falsoVero o falso
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza