Tipo di esercizi
Scelta multipla,
Posizionamento,
Vero o falso,
Domande in serie
Libro
Noi, la natura e l'ambiente
Capitolo
Capitolo B4. La classificazione delle piante
INFO

Scienze

Evoluzione delle piante
A: I cicli vitali delle piante presentano una caratteristica condivisa: l'alternanza di generazione.
B: Le piante che oggi popolano la Terra si sono evolute da antiche alghe.
C: I botanici ritengono che le prime specie vegetali che abbandonarono l'ambiente
acquatico fossero simili alle attuali conifere.
D: Le angiosperme oggi costituiscono circa il 90% delle specie vegetali.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

I muschi
I muschi appartengono al gruppo delle ________. Queste piante hanno struttura molto semplice, infatti non hanno radici, ________ e vasi conduttori. A causa della mancanza di radici e vasi conduttori, i muschi sono costretti a vivere in ambienti molto ________ e ad assorbire l'acqua attraverso cellule allungate chiamate ________.
PosizionamentoPosizionamento
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Ciclo vitale delle felci
Nel ciclo vitale delle felci la forma più sviluppata è ________, rispetto al quale ________ è molto più piccolo. Lo sporofito maturo produce ________, da cui originano le spore, che sono trasportate anche a grande distanza dal ________. Quando incontrano condizioni adatte, le  ________ germinano dando origine al gametofito.

PosizionamentoPosizionamento
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Impollinazione
L'incontro tra il polline e le strutture femminili della pianta si chiama impollinazione.
A: Quando l'impollinazione avviene a opera del vento, si parla di impollinazione anemofila.
B: L'impollinazione anemofila permette alla pianta di produrre una quantità minima di polline.
C: Quando una pianta è impollinata da animali come insetti o uccelli, si parla di impollinazione zoofila.
D: L'impollinazione zoofila obbliga la pianta a produrre grandi quantità di polline.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Percorso del polline
Quando il polline aderisce allo ________ si ha la formazione di un sottile filamento chiamato ________ che si allunga nel canale dello ________ fino a raggiungere ________. Una volta avvenuta la ________ si avrà la formazione di un ________.
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Disseminazione
La disseminazione è importante per non far cadere i semi vicino alla pianta madre.
A: I semi di acero affidano la loro dispersione al vento.
B: I frutti carnosi cadono sempre vicino alla pianta madre.
C: Il frutto della bardana è dotato di uncini che si aggrappano alla pelliccia degli animali, che li portano lontano.
D: La noce di cocco, frutto di una palma tropicale, si fa trasportare anche a grande distanza dal vento.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Veri e falsi frutti
A: I veri frutti derivano dalla trasformazione dell'ovario.
B: I falsi frutti derivano oltre che dall'ovario anche da altre parti del fiore.
C: Il lampone è un vero frutto.
D: I frutti secchi sono caratterizzati da un rivestimento morbido.
Vero o falsoVero o falso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Monocotiledoni e dicotiledoni
A: Le angiosperme che hanno due cotiledoni si chiamano monocotiledoni.
B: Le monocotiledoni sono le piante con due cotiledoni, come il fagiolo.
C: Il mais è una pianta monocotiledone.
D: Il termine cotiledone deriva dal greco e significa «ciotola».
Vero o falsoVero o falso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Varietà dei fiori
A: La pianta del giglio
B: La pianta di noce
C: La pianta di kiwi
D: La pianta del mais
Domande in serieDomande in serie
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Gimnosperme
Le piante che producono semi non rivestiti da frutto si chiamano ________. Tra tutte le gimnosperme le più diffuse sono le ________, come il larice o la ________ dotate di foglie ________ rivestite da una spessa ________ che ne limita la traspirazione consentendo un notevole risparmio di ________.
PosizionamentoPosizionamento
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza