Tipo di esercizi
Scelta multipla,
Posizionamento,
Trova errore,
Vero o falso,
Domande in serie
Libro
Noi, la natura e l'ambiente
Capitolo
Capitolo A8. Le leggi del moto
INFO

Scienze

Le forze tra due corpi
Una navicella spaziale riesce a staccarsi da terra perché
A: la forza centrifuga la fa allontanare dal centro della Terra.
B: la forza d'inerzia la spinge verso l'alto.
C: espelle verso il basso dei gas di scarico, ricevendo in cambio una spinta verso l'alto.
D: espelle verso l'alto dei gas, che la attirano verso gli strati più alti dell'atmosfera terrestre.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Pressione di un liquido
La pressione che un liquido esercita sul fondo del recipiente che lo contiene ma anche in qualunque altro punto a diverse profondità viene chiamata pressione idrodinamica cioè caratteristica di un solido fermo. La pressione idrostatica generata in un punto da un liquido dipende dalla forza e dall'area della colonna di liquido sopra quel punto.
Trova erroreTrova errore
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Principio dei vasi comunicanti
Il principio dei vasi comunicanti.
A: Mettendo in comunicazione due o più vasi contenenti lo stesso liquido si determina un movimento del liquido stesso che porterà il contenuto alla medesima altezza.
B: Recipienti comunicanti che contengono lo stesso liquido, ma che hanno sezione e forma differenti, avranno sul fondo diverso valore di pressione idrostatica.
Scelta multiplaScelta multipla
1

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Principio di Pascal
Secondo il principio di ________ la pressione esercitata su un ________ da una ________ esterna si distribuisce con la stessa intensità in ogni punto del fluido e uguale in qualsiasi ________.
PosizionamentoPosizionamento
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Applicazione del principio di Archimede
Secondo il principio di Archimede, la spinta verso l'alto del corpo dipende dal ________ del fluido spostato e quindi dalla sua ________. Si ha quindi che:
spintaArchimede = volumeimmerso × densità fluido × ________, dove il prodotto della densità per il ________ corrisponde alla ________ del fluido spostato e g è l'________ di gravità.
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Effetto Venturi
A: Il principio noto con il nome «effetto Venturi» afferma che, se la velocità dell'aria rispetto alla superficie aumenta, la pressione esercitata diminuisce.
B: La portanza di un'ala è la misura dell'area della sua superficie.
C: Quando la differenza di pressione tra le due superfici di un'ala determina una forza risultante verso l'alto, questa forza può sostenere il peso dell'aereo ed è detta portanza.
D: L'effetto Venturi non ha alcuna relazione con la velocità dell'aria su di una superficie.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Forze e movimento
A: Galileo fu il primo a capire che le forze non sono necessarie per mantenere
i corpi in movimento, ma che il loro unico effetto è quello di modificarne
la velocità.
B: L'inerzia è la tendenza di un corpo ad aumentare continuamente la propria velocità.
C: Sulla Terra non esistono movimenti in assenza di forze.
D: Se si lascia rotolare una biglia, prima o poi si fermerà a causa delle forze di attrito.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Secondo principio della dinamica
Il secondo principio della dinamica
A: fu enunciato da Galileo nel 1687.
B: afferma che una forza (F) provoca su un corpo di massa (m) un'accelerazione (a) inversamente proporzionale alla forza e direttamente proporzionale alla massa.
C: afferma che, raddoppiando o triplicando la forza applicata a uno stesso corpo, esso subirà un'accelerazione doppia o tripla.
D: può essere espresso con la seguente relazione: F = m × a.
Vero o falsoVero o falso
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Movimento e quiete
Movimento e quiete sono concetti relativi che dipendono dal sistema di riferimento nel quale si pone un osservatore.
A: Se un autobus procede a velocità costante, tutto ciò che esso contiene risulta fermo rispetto a un osservatore che si trova all'interno del mezzo.
B: Se un autobus procede a velocità costante tutto ciò che esso contiene risulta fermo rispetto a un osservatore che si trova all'esterno del mezzo.
Vero o falsoVero o falso
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Scienze

Principi della dinamica
A ciascuna delle situazioni descritte attribuisci il corretto principio della dinamica cui fa riferimento.
A: Battiamo con la mano sulla superficie del banco, esercitando una forza diretta verso il basso.
B: Lanciamo un pallone verso un compagno.
C: Una navicella spaziale procede a velocità costante.
Domande in serieDomande in serie
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza