INFO

Storia

L'età dell'imperialismo.
Gli storici definiscono comunemente "età dell'imperialismo" il periodo compreso fra il ________ e il ________: quello in cui le potenze europee costruirono, anche attraverso un'aspra competizione reciproca, grandi imperi ________ che arrivarono a coprire la maggior parte del pianeta. Con il termine "imperialismo" si definisce la tendenza di uno Stato a espandere i propri domini e a esercitare la propria egemonia su altre ________.
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

L'Apartheid.
Fino a quando durò l'Apartheid?
A: 1994.
B: 1884.
C: 1984.
D: 1904.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

L'imperialismo di fine Ottocento.
L'imperialismo di fine Ottocento si inseriva nel processo di espansione economica che l'Europa aveva avviato già da secoli; e tuttavia, esso ebbe alcuni caratteri specifici. Per prima cosa non mirò, come era avvenuto in passato, al controllo di zone circoscritte, rilevanti per la loro posizione strategica o per la loro immediata utilità come scali commerciali; piuttosto, puntò alla conquista spirituale di vaste regioni, occupate a un ritmo assai lento, organizzate in regni indipendenti e sfruttate con modalità nuove rispetto al passato. La competizione per la conquista di nuovi territori esercitò un peso senza precedenti anche nella politica interna dei singoli paesi.
Trova erroreTrova errore
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

La tragedia del Congo.
Quale Paese fu il crudele artefice della tragedia del Congo?
A: L'Olanda.
B: La Francia.
C: Il Belgio.
D: La Gran Bretagna.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

La presenza delle varie potenze europee nel resto del mondo.
La Francia aveva consolidato la propria presenza in ________ negli anni Sessanta; fra il 1883 e il 1893 riuscì a impadronirsi anche dei territori corrispondenti agli attuali Stati di Cambogia e ________. Nella regione, l'unico paese che conservò l'indipendenza fu il regno del ________ (l'odierna Thailandia), al quale fu riconosciuto – grazie a un accordo reciproco tra francesi e britannici – il ruolo di Stato-cuscinetto. Per parte sua, la Gran Bretagna dominava in Asia vasti territori,  e avevano come baricentro il ________ corrispondente agli attuali Stati del ________, dell'India e del Bangladesh.  Una testa di ponte britannica verso il territorio cinese era costituita dalla città portuale di ________, occupata nel 1841, trasformata in colonia l'anno successivo. Importanti possedimenti britannici erano anche la città-Stato di ________ e l'isola di Ceylon (l'odierno ________).  Le colonie asiatiche del regno dei Paesi Bassi comprendevano le isole di ________, di Sumatra, parte del ________, le Molucche e altre isole minori dell'arcipelago indonesiano.
PosizionamentoPosizionamento
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

Il gold standard.
Quando e come nacque il gold standard?
A: Nel 1821, quando la Gran Bretagna optò per la convertibilità in metallo della propria moneta, scegliendo come unico standard l'oro.
B: Nel 1831 quando la Francia optò per la convertibilità in metallo della propria moneta, scegliendo come unico standard l'oro.
C: Nel 1881 quando gli Stati Uniti optarono per la convertibilità in metallo della propria moneta, scegliendo come unico standard l'oro.
D: Nel 1801 quando la Russia optò per la convertibilità in metallo della propria moneta, scegliendo come unico standard l'oro.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

Gli Stati Uniti.
Gli Stati Uniti.
A: Per gran parte dell'Ottocento gli Stati Uniti si erano dedicati a una sorta di colonizzazione esterna, estendendo progressivamente il proprio territorio fino a raggiungere l'oceano Pacifico e strappando al Messico territori importanti come il Venezuela.
B: Sul piano internazionale, avevano adottato una posizione interventista, lasciandosi coinvolgere in questioni anche non attinenti agli Stati Uniti.
C: Il governo di Washington dichiarò guerra alla Spagna, ultima potenza coloniale europea ad avere interessi nel continente americano, sostenendo la rivolta di Cuba contro il governo di Madrid, iniziata nel 1895, e sfociata nel 1898 nella guerra ispano-americana.
D: Gli Stati Uniti ottennero una sconfitta e dovettero rinunciare a Cuba.
Vero o falsoVero o falso
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

La spartizione dell'Africa.
La fase più accesa della corsa alla conquista fu inaugurata dall'occupazione francese dell'Egitto (1882) – e dunque dello strategico canale di Panama – e del vicino Senegall (1885), che infastidì non poco gli inglesi, fino a quel momento egemoni nel Nord Africa, e dalla contesa scoppiata fra Spagna e Belgio per il controllo del Sudan. Gli spagnoli, che fin dal XV secolo esercitavano il loro dominio sull'Angola, consideravano di propria competenza anche l'adiacente territorio congolese; ma il sovrano belga non aveva alcuna intenzione di rinunciare alla regione. Per dirimere tale specifica questione, e impedire che ne sorgessero di simili, alla fine del 1884 venne convocata la conferenza di Berlino.
Trova erroreTrova errore
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

L'indipendenza dei Paesi africani.
Al volgere del Novecento, quali Paesi africani rimanevano indipendenti?
A: Libia.
B: Marocco.
C: Etiopia.
D: Liberia.
E: Congo.
F: Sudan.
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Storia

Nuove ambizioni in Africa dopo la conferenza di Berlino.
L'equilibrio deciso a Berlino parve funzionare bene per alcuni anni. Ma le ambizioni dei vari Stati non erano facili da contenere: e così, ben presto, due episodi lo misero a repentaglio. Il primo fu il conflitto che, a partire dagli anni Ottanta, si aprì nel territorio dell'attuale Sudafrica. La regione del ________, colonizzata dagli ________ fin dal Seicento, era passata sotto il dominio ________ all'epoca delle guerre napoleoniche con il nome di Colonia del Capo. Di conseguenza i boeri o Afrikaner, ovvero i discendenti dei primi colonizzatori ________, si erano spostati più a ________, fondando le repubbliche indipendenti ________ e del Transvaal. ________ avevano già tentato senza successo, nel biennio 1880-1881, di impadronirsi di quei territori. A metà degli anni Ottanta, poi, proprio nelle due repubbliche vennero scoperti vasti giacimenti d'oro e di diamanti che attirarono dalla vicina Colonia del ________ avventurieri e nuovi coloni britannici. Si venne così a creare una situazione insostenibile. I boeri discriminarono in ogni modo i cosiddetti Uitlanders (cioè "________") e la tensione fra le due comunità crebbe fino a sfociare in un conflitto armato: la seconda guerra anglo-boera, che durò dal 1899 al 1902 e si concluse con la vittoria ________. Transvaal e ________ furono annessi all'impero ________ e nel 1910 andarono a costituire, insieme alla Colonia del ________, l'Unione Sudafricana.
Completamento chiusoCompletamento chiuso
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza