INFO

Fisica

Un astronomo sta misurando la radiazione elettromagnetica emessa da due stelle, ciascuna delle quali può essere considerata come un perfetto corpo nero. L'astronomo inserisce i dati ricavati in un grafico nel quale rappresentare l'intensità della radiazione (per unità di lunghezza d'onda) in funzione della lunghezza d'onda.
Lo scienziato nota che la curva relativa alla stella A ha un massimo in corrispondenza di una lunghezza d'onda più piccola di quella relativa al massimo di intensità della stella B.
Cosa si può concludere circa la temperatura di superficie delle due stelle?
A: Non si hanno abbastanza informazioni per trarre conclusioni circa la temperatura di superficie.
B: La stella B ha una temperatura di superficie maggiore.
C: Essendo due corpi neri perfetti, le due stelle hanno la stessa temperatura di superficie.
D: La stella A ha una temperatura di superficie maggiore.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Consideriamo due lampadine accese: la prima, da 90 W, emette una luce rossa; la seconda, da 60 W, una luce verde.
Quale delle due lampadine emette fotoni con maggiore energia?
A: La lampadina verde, perché il fotone "verde" ha un energia maggiore del fotone "rosso".
B: La lampadina rossa, perché emette più fotoni al secondo della lampadina verde.
C: La lampadina verde, perché emette più fotoni al secondo della lampadina rossa.
D: La lampadina rossa, perché il fotone "rosso" ha un'energia maggiore del fotone "verde".
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il grafico mostra i risultati di un esperimento sull'effetto fotoelettrico condotto su un certo metallo.
I valori dell'energia cinetica massima Kmax dei fotoelettroni espulsi vengono riportati in funzione della frequenza f della luce incidente.
Determina il lavoro di estrazione W0 (J) del metallo.

W0 = ________ x 10-19 J

Per i numeri decimali usa la virgola e non il punto (per es. 56,2 e non 56.2). Fai attenzione alle cifre significative!
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il grafico mostra i risultati di un esperimento sull'effetto fotoelettrico condotto su un certo metallo al variare della frequenza della luce incidente. Consideriamo la radiazione incidente con una frequenza di 5,80 x 1014 Hz.
Quanto vale l'energia cinetica massima dei fotoelettroni?

Kmax = ________ x 10-20 J

Per i numeri decimali usa la virgola e non il punto (per es. 56,2 e non 56.2). Fai attenzione alle cifre significative!
Completamento apertoCompletamento aperto
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Si può definire per il fotone la quantità di moto?
A: No, perché il fotone è un'onda e le onde non possiedono una quantità di moto.
B: Sì, la quantità di moto p del fotone è legata alla sua lunghezza d'onda λ dalla relazione p = h/λ, con h costante di Planck.
C: No, perché un fotone viaggia sempre alla velocità della luce e di conseguenza avrebbe una quantità di moto infinita.
D: Sì, la quantità di moto p del fotone è legata alla sua lunghezza d'onda λ dalla relazione p = , con h costante di Planck.
E: No, perché il fotone non ha massa e la massa è una grandezza necessaria per definire la quantità di moto.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il principio di indeterminazione dell'energia e del tempo.
Il ________ delle ________ nell'energia ΔE di una particella in un certo stato e nell'intervallo di tempo Δt durante il quale la particella rimane in quello stato è ________ o uguale a h/4π. Quindi l'indeterminazione nell'energia di un certo stato è tanto ________ quanto più ________ la particella si mantiene in tale stato.
PosizionamentoPosizionamento
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'effetto fotoelettrico rappresenta l'evidenza sperimentale:
A: della quantizzazione energetica dei fotoni.
B: della natura corpuscolare della luce.
C: della natura ondulatoria della luce.
D: del principio di indeterminazione di Heisenberg.
E: del fallimento del modello a onde elettromagnetiche nell'interazione con la materia.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un fotone si muove alla velocità della luce nel vuoto e non può mai essere ________. L'energia di un fotone è interamente ________, visto che è privo di ________ e di energia ________. Dal momento che un fotone ha energia, esso è in grado di estrarre un ________ dalla superficie di un metallo quando interagisce con esso.
PosizionamentoPosizionamento
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Le onde associate con le ________ sono onde di probabilità, il cui valore in un determinato punto dello spazio fornisce un'indicazione della ________ di trovare la particella in tale punto. Nel caso delle onde associate alle particelle la probabilità è ________ al quadrato del ________ di una grandezza Ψ che viene chiamata ________ d'onda della particella.
PosizionamentoPosizionamento
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'energia di ionizzazione è:
A: l'energia di un fotone emesso da un atomo.
B: l'energia che bisogna fornire a un elettrone di un atomo per farlo passare da un livello energetico più basso a un livello energetico più alto.
C: l'energia del fotone della serie di Balmer con la lunghezza d'onda minore.
D: l'energia del fotone della serie di Balmer con la lunghezza d'onda maggiore.
E: l'energia necessaria per strappare un elettrone dall'atomo al quale appartiene.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza