INFO

Fisica

Gli specchi sferici godono di una proprietà fondamentale: quando i raggi incidenti su uno specchio sferico sono ________ all'asse ottico e non molto distanti da esso, i raggi ________ o i loro ________ passano per uno stesso punto dell'asse detto ________ dello specchio.
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

La distanza focale di uno specchio sferico di raggio r è:
A: f = 2r
B: infinita.
C: f = r
D: f = r/2
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Gli specchi sferici e parabolici hanno lo stesso comportamento con raggi paralleli all'asse?
A: Si,sempre.
B: Dipende dal raggio dello specchio sferico.
C: No.
D: Si ,se i raggi sono vicino all'asse.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

In uno specchio parabolico perfettamente lucido, un raggio angolato incidente sul vertice:
A: viene sempre riflesso parallelamente all'asse ottico.
B: viene riflesso con direzione simmetrica all'asse ottico.
C: passa sempre per il centro di curvatura.
D: viene sempre assorbito.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Negli specchi concavi se la sorgente è posta oltre il centro di curvatura, l'immagine:
A: si forma fra il centro e il fuoco.
B: è virtuale.
C: è capovolta.
D: è rimpicciolita.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Negli specchi concavi se la sorgente è posta tra il centro di curvatura e il fuoco, l'immagine:
A: è reale.
B: è dritta.
C: è ingrandita.
Vero o falsoVero o falso
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Negli specchi concavi se la sorgente è posta fra il fuoco e il vertice, l'immagine:
A: è ingrandita.
B: è dritta.
C: è capovolta.
D: è virtuale.
E: è rimpicciolita.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Negli specchi sferici convessi le immagini non dipendono dalla ________ della sorgente, essa si forma oltre lo specchio, tra il ________ e il ________, è ________ ed è dritta e ________.
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'equazione dei punti coniugati:
A: vale per gli assorbitori di luce.
B: vale per tutti gli specchi sferici.
C: vale solo per gli specchi sferici convessi.
D: vale solo per gli specchi sferici concavi.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'ingrandimento lineare:
A: è il rapporto tra l'altezza dell'immagine e l'altezza dell'oggetto.
B: si misura in metri.
C: è il rapporto tra la distanza dell'immagine dallo specchio e la distanza dell'oggetto dallo specchio.
D: è adimensionale.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Le lenti sottili hanno:
A: l'asse ottico che è inclinato rispetto all'orizzontale.
B: uno spessore molto minore dei raggi di curvatura.
C: uno spessore uguale ai raggi di curvatura.
D: il centro della lente a distanze diverse dalle due superfici della lente stessa.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una lente biconvessa con indice di rifrazione maggiore di uno immersa nell'aria è:
A: completamente assorbente.
B: convergente.
C: convergente o divergente a seconda della distanza dalla sorgente.
D: geometricamente uguale ad una lente concava.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'immagine formata da una lente biconvessa con sorgente posta ad una distanza maggiore di due volte la distanza focale è:
A: dritta.
B: virtuale.
C: capovolta.
D: reale.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'immagine prodotta da una lente divergente biconcava è:
A: virtuale.
B: rimpicciolita.
C: ingrandita.
D: reale.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'ingradimento totale di una combinazione di due lenti è:
A: ls somma degli ingrandimenti di ciascuna lente.
B: possibile solo se sono dello stesso tipo.
C: il prodotto degli ingrandimenti di ciascuna lente.
D: non si possono combinare due lenti.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Nelle lenti reali l'aberrazione cromatica è una conseguenza della:
A: miopia.
B: dispersione.
C: riflessione
D: assorbimento.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un occhio miope:
A: vede bene da lontano ma non da vicino.
B: non vede.
C: è ipermetrope.
D: vede bene da vicino ma non da lontano.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il principio di funzionamento del microscopio ottico si basa:
A: sull'azione della forza atomica.
B: sull'azione combinata di due lenti.
C: sull'azione di elettronica "spinta".
D: sull'azione di una super lente.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un sistema ottico è costituito da uno specchio piano, che riflette specularmente i raggi, e uno specchio sferico di raggio 2,0 m. La distanza tra i vertici degli specchi è di 50 cm. Una sorgente puntiforme è posta sull'asse ottico ad una distanza di 10 cm dallo specchio piano e può inviare raggi luminosi solo quest'ultimo. Ricava la posizione dell'immagine formata dallo specchio sferico.
A: 29 cm
B: non si forma l'immagine.
C: 3,0 μm
D: 33 cm
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Un sistema ottico è costituito da due lenti sottili biconvesse identiche sistemate l'una rispetto all'altra ad una distanza pari alla distanza focale f di ciascuna lente. Un oggetto ha lunghezza (lungo l'asse y) di 6,0 cm ed è posto, a 3/2 della distanza focale, alla sinistra della prima lente. Quale è la lunghezza dell'immagine?
A: non si forma l'immagine.
B: 1,0 cm
C: 36 cm
D: 4,0 m
Scelta multiplaScelta multipla
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza