INFO

Fisica

Una macchina termica ha un rendimento del 63%; a ogni ciclo, la macchina compie un lavoro di 530 J. Quanto vale il calore assorbito dalla macchina in un ciclo?
A: 1,4 kJ
B: 200 J
C: 330 J
D: 840 J
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Quale di questi dispositivi non è una macchina termica?
A: Una centrale termoelettrica a carbone.
B: Una centrale elettrica nucleare.
C: Il motore di un'automobile.
D: La moka del caffè.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'enunciato di Kelvin del secondo principio della termodinamica:
A: vale per tutte le trasformazioni termodinamiche.
B: non vale per le isoterme con gas perfetti.
C: vale per singole trasformazioni termodinamiche, ma non può essere applicato alle macchine termiche.
D: non vale per le macchine termiche che usano una sola sorgente.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

L'enunciato di Kelvin e quello di Clausius affermano, seppur in maniera diversa, lo stesso principio. Di quale principio si tratta?
A: In natura esistono solo macchine reversibili.
B: In natura si verificano solo fenomeni irreversibili.
C: Il rendimento della macchina termica può essere maggiore dell'unità.
D: Il rendimento di una macchina termica non può essere inferiore all'unità.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il rendimento di una macchina termica ciclica è uguale:
A: al rapporto tra lavoro totale e calore ceduto.
B: al rapporto tra i calori scambiati al termine di un ciclo.
C: al rapporto tra calore e lavoro.
D: al rapporto tra lavoro totale in un ciclo e calore prelevato dalla sorgente calda.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

In un ciclo termodinamico, una macchina termica produce un lavoro pari a 220 J e cede alla sorgente più fredda un calore pari a 200 J. Qual è il suo rendimento?

η = ________

Per i numeri decimali usa la virgola e non il punto (per es. 56,2 e non 56.2). Fai attenzione alle cifre significative!
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

È possibile realizzare una macchina termica reversibile in natura?
A: Sì, ma il suo costo sarebbe talmente elevato da renderne la produzione non conveniente.
B: Esistono macchine reversibili così come esistono le macchine irreversibili.
C: No, una macchina termica reversibile è una macchina termica ideale che basa il suo funzionamento su cicli di trasformazioni reversibili.
D: La risposta è ancora oggi dibattuta.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Consideriamo una sorgente fredda a una temperatura T1 e una sorgente più calda a una temperatura T2. Il rendimento di una macchina di Carnot che lavora tra queste due sorgenti è uguale a:
A: T2/T1
B: T1/T2
C: 1− T2/ T1
D: 1− T1/ T2
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una macchina termica opera tra due sorgenti a temperatura diversa. La sorgente calda si trova a 400 °C. Quale può essere il rendimento massimo di una macchina termica reale che opera a temperatura ambiente, cioè a 20 °C?

η = ________

Per i numeri decimali usa la virgola e non il punto (per es. 56,2 e non 56.2). Fai attenzione alle cifre significative!
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una macchina termica reale è più efficiente se:
A: opera tra due sorgenti a grande differenza di temperatura.
B: opera tra due sorgenti a piccola differenza di temperatura.
C: è una macchina termica reversibile.
D: è una macchina termica che esegue trasformazioni cicliche.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Il coefficiente di prestazione COP è:
A: una misura dell'efficienza delle macchine frigorifere.
B: definito dal rapporto tra lavoro e calore.
C: una grandezza compresa sempre tra 0 e 1.
D: simile al coefficiente di guadagno.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Che cos'è una pompa di calore?
A: Si tratta di un dispositivo che cerca di sottrarre calore all'ambiente esterno e lo riversa nei luoghi chiusi come uffici o appartamenti.
B: Si tratta di un modo diverso di chiamare il frigorifero.
C: Si tratta dell'elettrodomestico che comunemente chiamiamo condizionatore.
D: Si tratta di un sistema idraulico per scambi di calore utilizzato nelle centrali termoelettriche.
Scelta multiplaScelta multipla
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Una macchina termica reversibile esegue un ciclo nel quale cede 300 J di calore alla sorgente fredda, che si trova a temperatura ambiente (300 K) e assorbe 600 J dalla sorgente calda. A quale temperatura si trova la sorgente calda?
A: 6 K
B: 60 K
C: 600 K
D: Il problema non può essere risolto.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Qual è la variazione di entropia di un sistema formato da un gas che subisce una espansione adiabatica?
A: Mancano i dati per poter risolvere l'esercizio.
B: ΔS < 0.
C: ΔS > 0.
D: ΔS = 0.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

2,00 kg di ghiaccio si trovano in una stanza in cui la temperatura supera leggermente 0 °C. In queste condizioni possiamo considerare che la fusione del ghiaccio avvenga in maniera reversibile a una temperatura di 0 °C. Il calore latente di fusione del ghiaccio è pari a 334 kJ/kg. Quanto vale la variazione di entropia?

ΔS = ________ x 103 J/K.

Per i numeri decimali usa la virgola e non il punto (per es. 56,2 e non 56.2). Fai attenzione alle cifre significative!
Completamento apertoCompletamento aperto
3

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Quale delle seguenti grandezze non contribuiscono alla definizione di macrostato di un gas?
A: La temperatura del gas.
B: La velocità delle singole molecole del gas.
C: Il numero di moli del gas.
D: La pressione del gas.
Scelta multiplaScelta multipla
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Quale delle seguenti grandezze non contribuisce alla definizione di microstato di un gas?
A: L'energia cinetica delle singole molecole.
B: La massa totale di tutte le molecole.
C: La velocità delle molecole.
D: La posizione delle molecole.
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

2,2 moli di gas perfetto subiscono un'espansione isoterma in cui il volume finale è doppio del volume iniziale. Qual è la variazione di entropia?

ΔS = ________ J/K

Per i numeri decimali usa la virgola e non il punto (per es. 56,2 e non 56.2). Fai attenzione alle cifre significative!
Completamento apertoCompletamento aperto
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Considera la somma del lancio di due dadi un "macrostato". Quanti sono i microstati che puoi ottenere lanciando due dadi?
A: 36
B: 6
C: 12
D: 11
Scelta multiplaScelta multipla
4

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Fisica

Considera la somma del lancio di due dadi un "macrostato". Qual è il macrostato che si ottiene con maggiore frequenza?
A: 7
B: 2 e 12
C: Tutti i risultati sono ugualmente probabili.
D: 6
Scelta multiplaScelta multipla
2

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza