INFO

Diritto

A: Il comportamento dei consumatori è attualmente al centro dell'analisi aziendale.
B: Al termine della Seconda guerra mondiale il ruolo principale nel mercato era giocato dai consumatori.
C: Attualmente l'attività di marketing ha, essenzialmente, lo scopo di definire la pubblicità dei prodotti o servizi.
D: Negli ultimi anni le imprese hanno investito sempre più nelle pull strategies.
E: Negli ultimi decenni il turismo internazionale ha subito una contrazione.
F: L'avvento delle nuove tecnologie ha reso più semplici i processi di programmazione e scelta di una vacanza.
G: Nel settore turistico la crescita del mercato ha accentuato i fenomeni di concentrazione aziendale.
H: L'innovazione digitale ha provocato una contrazione del mercato potenziale.
I: Negli ultimi anni è diminuito l'interesse verso l'impatto ambientale delle attività turistiche.
J: Il turismo esperienziale richiede un efficiente coordinamento tra gli attori coinvolti nella realizzazione di prodotti e servizi.
K: Il turista culturale occasionale mette il patrimonio culturale della destinazione al centro del proprio viaggio.
L: Gli eventi enogastronomici rientrano tra i prodotti destinati al turismo culturale.
M: Il turismo sociale è promosso unicamente da enti pubblici.
N: Il turismo sociale viene praticato solo nei periodi di bassa stagione.
O: Il turismo integrato facilita la destagionalizzazione dei flussi turistici.
Vero o falsoVero o falso
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

A: L'attuale sistema economico è caratterizzato da un ambiente particolarmente dinamico.
B: L'attività di pianificazione non accresce l'efficienza aziendale.
C: La pianificazione di breve periodo è definita anche programmazione.
D: L'attività di pianificazione è volta all'anticipazione di scenari futuri.
E: L'attività di previsione è alla base del processo di pianificazione.
F: Il risultato della pianificazione di lungo periodo è il piano strategico.
G: I piani aziendali sono rivolti unicamente agli stakeholder esterni all'azienda.
H: Il processo di pianificazione strategica parte dalla definizione degli obiettivi aziendali.
I: Il sistema di norme alle quali l'azienda deve attenersi rientra tra le variabili del macroambiente.
J: I produttori di beni sostitutivi rientrano tra i soggetti che costituiscono il macroambiente nel quale opera un'azienda.
K: Le strategie di corporate hanno l'obiettivo di definire in quale mercato competere.
L: Le strategie di sviluppo di nuovi mercati prevedono l'offerta di beni e servizi ad aree geografiche alle quali non si ci era rivolti prima.
M: La vision aziendale definisce il motivo per il quale l'azienda esiste sul mercato.
N: Gli obiettivi aziendali devono essere sempre espressi in termini numerici.
O: L'attività di controllo è svolta durante tutto il periodo di esecuzione del piano.
Vero o falsoVero o falso
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza

Diritto

A: Il piano è un documento che illustra gli obiettivi di breve periodo definiti in sede di pianificazione.
B: Il business plan è redatto in occasione della costituzione di una nuova azienda.
C: Il business plan è anche un importante strumento informativo per gli stakeholder esterni all'azienda.
D: La forma giuridica dell'azienda viene descritta nella sezione quantitativa del piano strategico.
E: Il business plan descrive anche le principali strategie di marketing della start up.
F: Le informazioni contenute nel business plan non consentono di valutare la fattibilità  economica del progetto.
G: La natura e il valore delle immobilizzazioni necessarie allo svolgimento del piano vengono esposte nel piano finanziario.
H: I dati dei piani di funzione  sono diversi da quelli che confluiscono nel piano generale.
I: Nel piano finanziario gli ammortamenti sono considerati un elemento positivo delle fonti  della gestione.
J: Nel piano finanziario il capitale conferito è considerato un elemento positivo delle fonti  della gestione.
K: Il piano strategico può essere redatto seguendo uno schema libero.
L: Il piano strategico deve essere allegato al bilancio d'esercizio.
M: Il piano può essere reso operativo solo dopo l'approvazione da parte dei direttori di funzione.
N: Al budget d'esercizio si applica la tecnica dello scorrimento.
O: Il piano, una volta approvato, deve essere tempestivamente aggiornato in funzione di cambiamenti nell'ambiente interno ed esterno all'azienda.
Vero o falsoVero o falso
5

Il punteggio di un esercizio è determinato
dalla difficoltà: da 1 (più facile) a 5 (più
difficile).Vuoi saperne di più? Consulta il
Centro Assistenza